UROLOGIA DIMEZZATA L’IRA DI CANGIANO

  • Guglielmo Olivero
  • 1 min e 19 sec (246 parole)
  • Cronaca
  • cangiano
ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Hanno più che ragione i nuovi proprietari del bar dell’Ospedale a non fornire più il servizio dell’edicola. E chi può comprare un giornale all’interno di un complesso dove ormai è più facile indicare i reparti operativi che quelli chiusi o aperti a singhiozzo.

Non bastava la lunga, estenuante diatriba sul reparto d’ortopedia che chissà quando terminerà, considerato che di mezzo si sono inseriti i tribunali con i tempi più lunghi di una prenotazione medica alla mutua….

Adesso è arrivata anche la notizia che il reparto di urologia funzionerà soltanto al lunedì, a mezzo servizio, decisione presa dalla Regione e che ha mandato su tutte le furie il sindaco Giorgio Cangiano: <Una decisione assurda-ha detto il primo cittadino-che conferma come la struttura ospedaliera perda sempre più in affidabilità, non rispondendo alle richieste dei cittadini. Ci muoveremo, a partire da martedi, in modo tale da poter ridurre questi disagi>.

Povera sanità del ponente ligure: come se non bastassero questi guai, ecco la conferma (da Mediagold più volte anticipata) della chiusura del reparto di Cardiologia di S.Corona con la conseguenza che i disagi aumentano, come afferma Lorena Casu, titolare del Bar Dlf: <Devo sottopormi con una certa frequenza a dei controlli al cuore-afferma-e adesso mi toccherà recarmi al S.Paolo di Savona. Un disagio pazzesco per chi, come me, non guida ed ha grandi problemi nell’abbandonare il luogo di lavoro>.

Parole, come le sue, che sintetizzano i tanti disagi della sanità locale. Ma che per il momento suonano a vuoto.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci