Tredici milioni di destini in mano ai cartomanti

La sensitiva intervistata da Mediagold.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

A loro si rivolgono i disoccupati, magari pagando il consulto rompendo il salvadanaio degli spiccioli, e i manager della grande finanza. Cittadini comuni che desiderano sapere il futuro in amore e lavoro e quelli, più abbienti, ansiosi di apprendere su come investire azioni e obbligazioni.

La cifra è da capogiro: 13 milioni di abitanti si rivolgono a cartomanti, stregoni, sensitivi per essere confortati sul loro futuro, soprattutto lavorativo. Afferma una operatrice del settore, savonese, che vuole rimanere in incognito: «Negli ultimi anni la tendenza è cambiata. Prima venivano da me per sapere se una relazione amorosa era duratura e seria, oggi la maggioranza è ansiosa di sapere se troverà un lavoro o se lo perderà». Prosegue la savonese, che ha una media di otto ore di lavoro giornaliero, metà delle quali rivolte alla pranoterapia: «Il vero sensitivo è quello che nasconde niente, quello che, certo con sensibilità, comunica notizie spiacevoli. Lo so che la gente viene per essere confortata, ma fornire sensazioni, ripeto sensazioni, sbagliate sarebbe un tradimento alla serietà».

Se la nostra informatrice rilascia regolare fattura a tutti i clienti, è indubbio che i sei milioni di euro che costituiscono il bilancio annuale dell’occulto, sono in gran parte in nero. In nessun campo come questo si contano improvvisatori, ciarlatani, persone senza scrupoli: «Generalmente – conclude la nostra informatrice – le persone che chiedono prezzi alti sono quelle alle quali bisogna fare molta attenzione. Chi invece propone prezzi alla portata di tante gente sono invece operatori del settore di un certo valore».

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci