Steve Rothery riporta integralmente dal vivo “Misplaced Childhood”

Il memorabile album dei Marillion di nuovo in concerto dopo 30 anni

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Era il 1985 quando i Marillion, con il loro album più famoso, “Misplaced Childhood”, vendevano oltre 6 milioni di copie in tutto il mondo, un risultato ancora oggi ricordato tra i dischi di maggior successo della sua decade.

Oggi la band, proveniente da Aylesbury, esegue dal vivo sempre meno materiale tratto da quel disco, ma il loro chitarrista, Steve Rothery, ha fatto una scelta in totale controtendenza con l’attuale linea stilistica del suo gruppo e ha scelto, in occasione del trentennale di “Misplaced Childhood”, di riportarlo integralmente dal vivo sui palchi europei.

Due sole date italiane per questo importante evento, la prima delle quali si terrà Sabato 28 novembre 2015 a Romano d’Ezzelino, in provincia di Vicenza, grazie all’impegno della Associazione Horizons, ONLUS senza finalità di lucro di cui è fondatore Mauro Bertoncello.

Lo show si dividerà in due parti: nella prima la band romana RanestRane presenterà in anteprima mondiale il nuovo “cine-concerto” HAL, secondo capitolo di una trilogia di album dedicati a “2001 – Odissea nello Spazio” di Stanley Kubrick, prima di partire per un tour che li vedrà impegnati in tutta Europa. Nella seconda parte Steve Rothery, a differenza del 2014 quando si esibì con la sua band personale, proporrà un concerto completamente basato sul materiale dei Marillion ed insieme a RanestRane e al cantante Martin Jakubski eseguirà un set completo di brani storici della band inglese, a partire dal 1983 in avanti. In questo contesto troverà posto la riproposizione anche del classicissimo “Misplaced Childhood”.

Come di consueto per le iniziative gestite dall’associazione Horizons, parte dell’incasso verrà devoluto a finalità benefiche.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci