La Natività di Imelda Bassanello collocata nella Piazza  del santuario di Savona. La vera novità della Processione d'Inverno per questo natale 2015

Savona: la Processione d' Inverno di Imelda Bassanello

Un'altra occasione per Savona e il suo territorio di mostrare un'eccellenza artistica ed umana. L'artista aggiunge un nuovo pezzo d'arte per questo Natale 2015.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Statuine ad altezza d’uomo create con legno e materiali poveri, stracci, tessuti, colla, e molto ingegno e talento. Colpiscono lo sguardo percorrendo la strada che dal quartiere savonese di Lavagnola porta al Santaurio e che dall’alta Cimavalle conduce al Santurio: la Valle del Letimbro. Le macchie di colore che si vedono da lontano sul ciglio della strada, avvicinandosi si svelano. Sono rappresentazioni di pastori, pastorelle e dei vari personaggi che sarebbero inseriti in un paesaggio da “presepe”.

Una grande opera quella di Imelda Bassanello: particolare, progettata nel suo insieme, per coinvolgere un territorio disadorno, in un periodo dell’anno nel quale un Santuario come quello di Savona dovrebbe eccellere, ancor più in un anno di Giubileo come questo. Sono un’ottantina di creazioni artistiche realizzate da Imelda con la collaborazione dei partecipanti ai suoi laboratori d’arte, che rigorosamente tiene nel suo “spazio d’ Imelda” collocato nella località Santuario, a lato della Basilica. Le più gigantesche saranno montate con l’aiuto della protezione Civile, vista lo loro mole. Umili figure che si accingono a un pellegrinaggio da valle verso il Santuario e da Cimavalle giù per la medesima strada che conduce sempre all’importante sito religioso. Imelda, conoscendo bene la tradizione della Processione, evento di marzo che spontaneamente raduna i cittadini di Savona e dintorni e li conduce al sagrato della Basilica del Santuario, ha riprodotto per il suo presepe le dinamiche e l’idea del percorso, fino a influire sul nome della la sua gigantesca "opera artistica d’insieme". E così la sua impresa, avviata nel 2002, che dà vita alla propria idea di presepe, ha preso il nome di Processione d’Inverno. Ogni anno aggiunge qualche pezzo. La vera novità per questo Natale 2015 è la Natività che nel mezzo della piazza davanti al Santuario non può che attirare l’attenzione di chi passa a piedi, o in auto. L’artista ha anche organizzato per sabato 12 alle 17,30 presso il suo “laboratorio” una conferenza tenuta dall’ormai “filosofo” Michel Perloff dal titolo “Rabbia per l’arte”.

Negli ultimi due scorsi anni, Imelda decise di dare con la sua "Processione d'Inverno" rilevanza all’intero bellissimo itinerario dell’entroterra che dal Santuario, passando per Naso di Gatto, conduce a Pontinvrea. Ora non più, ma in quest'ultima località si possono vedere collacate circa una quarantina di figure in legno.

Creare le sue opere d’arte appartiene all’ essere e al vivere di Imelda Bassanello, come la sua quotidiana lotta per il rispetto dell’arte e del valore che può attribuire a chi la ospita.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci