Morto Don Antonio Riboldi il prete del Belice che sfidava i camorristi

Si era battuto contro le baracche post terremoto

  • Guglielmo Olivero
  • meno di un minuto (121 parole)
  • Attualità
  • lutto
ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Chi non è più giovane ed è cresciuto con la televisione in bianco e nero ricorda ancora il suo volto, la sua voce, la sua rabbia. E’sempre stato di battaglia Don Antonio Riboldi, scomparso questa mattina all’età di 91 anni. Si ricordano di lui le battaglie nel denunciare le baracche nelle quali vivevano i terremotati del Belice, in un’epoca dove era ancora lontana la Protezione Civile. Ma la sua voce si è alzata molte volte per denunciare la camorra che si impadroniva del Sud. Le sue prediche, molto spesso scomode al potere, sono rimaste nella memoria. Negli ultimi anni, nonostante i tanti problemi di salute, aveva spesso lasciato dichiarazioni sempre sul tema della camorra e delle modalità con la quale combatterla.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci