L’Odissea dei pendolari del Ponente e gli strani orari degli Intercity

I ritardi, nonostante il raddoppio tra S.Lorenzo ed Andora sono all'ordine del giorno. Una vera Odissea per lavoratori e studenti universitari.

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Una risposta arriva chiara e senza tentennamenti quando si interpellano i pendolari che, ogni giorno, usufruiscono della linea Imperia-Savona (e viceversa): i ritardi, nonostante il raddoppio tra S.Lorenzo ed Andora sono all'ordine del giorno tanto che, ad alcuni dipendenti di aziende private, sono arrivate delle note disciplinari per il ritardo con il quale timbrano il cartellino. È una vera odissea quella che, ogni giorno, affrontano lavoratori e gli studenti universitari impegnati nella sessione estiva degli esami. Del resto, per capire come procedono le cose, è sufficiente prendere in considerazione alcuni dati, resi pubblici in questi giorni, sulla velocità media nella tratta Imperia-Savona che è di 120 km/h contro i 180 previsti. Ritardi che i treni accumulano, per assurdo, proprio nella tratta del recente raddoppio che, detto per inciso, appare come una serie di stazioni abbandonate senza bar e senza edicola: «Ma questo sarebbe il meno – afferma Sergio, studente universitario – il problema vero è che la prossima settimana, quando dovrò sostenere un esame importante, partirò la sera prima e pernotterò in una pensione a Genova. Non posso mica rischiare di arrivare in ritardo». Tanti pendolari sono alle prese con una vita da inferno, come Angela, che con il marito gestisce una bancarella al mercato: «Al mercoledì, quando aiuto mio marito ad Albenga, devo prendere il treno che parte all’alba, visto che recenti esperienze mi hanno convinto a capire che non esiste altra scelta».

Ironia della sorte, in una tratta dove i treni hanno problemi di prendere velocità, gli orari dei treni, soprattutto gli Intercity fanno pensare ad una media da Formula 1. Pensare, solo per fare un esempio, che l’Intercity in partenza alle 19,31 da Savona, con fermata a Finale, dovrebbe arrivare ad Albenga alle 19,53. A che velocità bisognerebbe andare per rispettare un orario simile? Ad una velocità supersonica. Ed infatti il treno, proveniente da Milano, è puntualmente in ritardo.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci