I lividi passano ma il dolore resta. Violenza sulle donne numeri da paura.

Sono ancora poche le donne che riescono a denunciare. Il numero verde 1522 risponde gratuitamente nel completo anonimato e in multi lingua.

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Nei primi mesi del 2017 i dati diffusidalla Regione Liguria e dai Centri Antiviolenza, di delitti o maltrattamenti sulle donne sono ancora sconfortanti.

114 le donne uccise in Italia,quasi tre milioni e mezzo di donne vittime di stalking.

Nella sola Liguria sono stati 885 i nuovi casi per i centri antiviolenza ma solo 414 delle vittime ha seguito il percorso verso la denuncia.Infatti, rivolgendosi alle forze dell' ordine,i comportamenti persecutori spesso vengono bloccati eppure la fiducia nelle istruzioni sembra ancora labile .Sono stati destinati 137 mila euro all'autonomia abitativa delle vittime, attraverso contributi per spese di trasloco,affitto,utenza ed avviato un corso di formazione del personale Centro Antiviolenza e dei servizi di emergenza sanitaria.

Attualmente in Liguria sono presenti diversi i centri antiviolenza distribiiti sul territorio, tutti collegati al numero verde nazionale 1522, attivo 24 ore su 24 per tutti i giorni dell'anno, sia da rete fissa che mobile dove viene garantito il completo anonimato e rispomdono operatrici in più lingue tra cui: italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo. Le operatrici forniscono sia una prima risposta ai bisogni delle donne vittime di violenza garantendo come detto il completo anonimato con l'accoglienza telefonica, colloqui personali, consulenza psicologica, consulenza legale e numerosi altri servizi, offrendo anche informazioni utili e un orientamento verso i servizi socio-sanitari pubblici e privati presenti a livello locale. A questo va ricordato anche il numero 112 che in caso di necessità chiuque può accedere per segnalare abusi e sopprusi di ogni genere.

Sabato 2 Dicembre presso la sala polivalente "Stefano Grasso Silvano Ghigliazza" di Albenga, la Rotary Club in collaborazione con lo Sportello Antiviolenza "Artemisia Gentileschi", è in programma una conferenza dal titolo "Libera di non aver paura" che affronterà le problematiche e chiarirà molte ideee talvolta ancora confuse circa i diritti e le tutele delle vittime di "stalking".I relatori saranno la psicologa Dott.ssa Graziella Cavanna, che indagherà gli aspetti psicopatologici, e il Mag. Sergio Pizziconi, Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Albenga, che analizzerà le implicazioni giuridiche dello stalking a partire da una delle più note, dibattute e tragiche vicende di cronaca nera degli ultimi anni.

L'auspicio è quello di utilizzare al meglio tutte le risorse disponibili affinchè non si legga più che ogni due giorni una donna viene uccisa e,quasi sempre per mano della persona più vicina, quella che teoricamente dovrebbe proteggerla e amarla.

(fonte: Alessandra Colella)

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci