La lunga e drammatica estate calda della nostra Provincia

Non ci sono più soldi per la manutenzione delle strade. Ombre e luci su alcune manifestazione in via di approvazione e deroghe.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Abbiamo vissuto tempi migliori che difficilmente ritorneranno. Con tutte le energie positive che si possono possedere, con tutto l’ottimismo che si può divulgare, rimane innegabile che, per la Riviera di Ponente, sono mesi difficili. Meno male, e magari per qualcuno sarà sufficiente questo, che le presenze turistiche sono confortanti con una primavera da record ed un mese di giugno che promette molto bene per le presenze.

Ma poi? Poi lo scenario è pieno di ombre come si può notare dalla conferenza stampa che si è svolta questa mattina nella Provincia di Savona e dove l’allegria non la faceva certo da padrona. Monica Giuliano, in qualità di presidente e Luana Isella in veste di vice, non hanno nascosto nulla sulla grave situazione dei lavori sulle nostre strade, ormai ad un passo da essere interrotti: "Non ci sono più soldi per completare le opere sulle nostre strade-il succo del discorso- perché la Provincia non ha più entrate. Tutto quello che arriva dalle tasse ed imposte lo dobbiamo versare direttamente allo Stato, ragion per cui le casse sono vuote".

La Giuliano ha ricordato quante volte si è fatto domanda al Governo per modificare la situazione attuale, per poter boccheggiare, ma le risposte sono state negative: "Tra l’altro-prosegue la Giuliano-dovremo rinunciare ai lavori di rifacimento in strade colpite dall’alluvione dell’autunno scorso. Un brutto scenario, senza possibilità di trovare una soluzione"

E poi ci si mettono pure le circolari della Prefettura che stanno arrivando come frutti avvelenati nei banchi delle amministrazioni comunali: circolari dove, in articoli e paragrafi molto dettagliati, si avvisano i Comuni e privati sulle norme da osservare per poter allestire un evento all’aperto. Nelle ultime ore sono stati annullati alcuni eventi nella provincia di Imperia, mentre nel ponente sembrerebbero non correre rischi lo Sbarco dei Saraceni a Laigueglia ed il Palio di Albenga.

Qualche problema in più potrebbero avere i Gumbi di Toirano, tra l’altro al loro ritorno: qui è davvero difficile, se non impossibile, che tutte le regole siano rispettate (ma poi si sa nel nostro Paese vanno di moda le deroghe….)

Tutti questi eventi saranno quanto meno benedetti da tempo caldo e assenze di pioggie: l’anticiclone africano posiziona e riposa tranquillo sulle nostre teste e le perturbazioni che cercano di minacciarlo gli fanno e gli faranno, è proprio il caso di dirlo, soltanto del fresco,

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci