Il lungo ritorno alla vita di Carmela

Già raccolti 85000 euro che permetteranno a Carmela De Fezza un ulteriore mese di cure.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Un gravissimo incidente automobilistico, avvenuto lungo la A10, tra Bordighera e Ventimiglia in direzione Francia, le aveva “fermato la vita”. Carmela De Fezza, ex impiegata delle Poste di Loano, imprigionata dalle lamiere della sua auto, aveva subito la frattura della vertebra C5, con lesioni anche al midollo. La corsa al Santa Corona e il delicato intervento chirurgico, non avevano però dato molte speranze di recupero: la giovane mamma sarebbe rimasta bloccata su una sedia a rotelle.

A un anno di distanza, da quel tragico giorno di giugno, però qualcosa è cambiato.

Grazie alla tenacia della famiglia, del marito e dei tanti amici, Carmela è stata trasferita in un centro specializzato di Innsbruck: le cure le hanno giovato e i miglioramenti ci sono. A parlarne è il marito Claudio, vigile del fuoco ad Albenga, sempre a fianco della giovane compagna, attesa dal figlioletto di appena 4 anni. Il percorso è lungo, sviluppato in programmi trimestrali, che però ha già dato risultati inaspettati.

A sostenere il difficile cammino di Carmela, per il ritorno al sorriso e alla vita, l'Associazione “MANI”, cui è possibile rivolgersi per devolvere il proprio contributo, che consentirà di raggiungere la somma necessaria a coprire la permanenza di Carmela in Austria, anche per un eventuali ulteriore ciclo di trattamenti.

Per chi desiderasse contribuire ad aiutare Carmela e la sua famiglia, è possibile effettuare delle donazioni all'associazione tramite un IBAN consultabile sia sul gruppo Facebook che sul sito web:

Associazione MANI - Garlenda
IBAN: IT45V0690649251000000017080
Causale: cure per Carmela

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci