Far musica a mezzanotte e dieci costa una multa ad un DJ di Varazze

Ennesimo episodio su quale turismo scegliere.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Varazze. Eccolo qui un nuovo episodio destinato a chi desidera una Riviera di Ponente votata al riposo e alla quiete e chi invece, per una naturale vocazione di vacanza e divertimento, la vuole portata al divertimento anche nelle ore piccole.

Il tema è destinato, se non altro per una questione anagrafica, a farsi sempre più acuto perché tanti amanti della Riviera di Ponente cominciano ad essere avanti con gli anni e di conseguenza contrastano con la vitalità di chi ha vent’anni.

L’episodio in questione si è verificato ad inizio luglio al Miama Bar di Varazze dove Marco Repetto, conosciuto DJ del ponente savonese, continuava a metter musica nonostante fosse scattata da dieci minuti la mezzanotte e di conseguenza diventare operativa una ordinanza che impedisce la musica dopo le ore 24. Alla Polizia Municipale non è rimasto altro che ordinare a Repetto di fermare immediatamente la musica perché da oltre dieci minuti si era fuori tempo massimo.

Sembrava finito tutto qua quando ieri mattina, come ha voluto ricordare Repetto, è arrivata a casa sua la multa per quell’episodio, una sessantina di euro (la sanzione poteva arrivare anche a 500 euro). E questo ha ovviamente riacceso il dibattito su quale linea si deve seguire a livello turistico. Al dibattito va comunque fatta una doverosa aggiunta, che suona come una beffa per Repetto: da una ventina di giorni infatti a Varazze è possibile suonare fino alla una.

DJ avvertiti, alle 0:50 mettere un brano di pochi minuti, magari un lento per far sussurrare, invece che parlare forte, coloro che si trovano in un locale all’aperto.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci