Ermal Meta e Fabrizio Moro vincono il Festival di Sanremo 2018

Al secondo posto Lo stato sociale, terza Annalisa

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

La canzone che, dopo la prima serata, rischiava di essere esclusa per plagio, ha vinto il Festival di Sanremo.

Ermal Meta e Fabrizio Moro sono i vincitori della kermesse canora che si è conclusa all’1,30 con un’ultima serata durata cinque ore e nella quale sono sfilati sul palco dell’Ariston grandi ospiti, da Laura Pausini ad Ornella Vanoni per non dimenticare Fiorella Mannoia. Vince dunque il Festival il brano <Non mi avete fatto niente>, una canzone di forte spessore e che ha convinto la giuria della critica e quella del pubblico che si è espresso con il televoto. Al secondo posto si sono piazzati Lo Stato Sociale mentre il terzo è di Annalisa, altra grande protagonista di queste serate.

Fabrizio Moro torna al successo al Festival undici anni dopo aver vinto nelle nuove proposte con <Pensa>, una canzone diventata nel corso degli anni un manifesto contro le mafie ed il terrorismo.

A Ron con "Almeno pensami" firmata Lucio Dalla il premio della Critica Mia Martini.
Il Premio della sala stampa Lucio Dalla va a Lo Stato Sociale con Una vita in vacanza. Il Premio Sergio Endrigo come miglior interpretazione va a Ornella Vanoni, Bungaro, Pacifico con Imparare ad amarsi. Il Premio Sergio Bardotti per il miglior testo va a Mirkoeilcane con Stiamo tutti bene.
La classifica, 20° posto: Elio e le storie tese con Arrivedorci (era il loro sogno arrivare in fondo). 19°: Mario Biondi. 18°: Roby Facchinetti e Riccardo Fogli. 17°: Nina Zilli. 16°: Decibel. 15°: Red Canzian. 14°: Noemi. 13°: Renzo Rubino. 12°: Enzo Avitabile e Peppe Servillo. 11°: Le Vibrazioni. 10°: Giovanni Caccamo. 9°: The Kolors. 8°: Diodato e Roy Paci. 7°: Luca Barbarossa. 6°: Max Gazzè. 5°: Ornella Vanoni, Bungaro, Pacifico. 4°: Ron. Lo Stato Sociale, Annalisa ed Ermal Meta/Fabrizio Moro in finale.
Fabrizio moro: "Undici anni fa dedicai la vittoria tra le Nuove Proposte con Pensa a mio padre, oggi dedico la vittoria a mio figlio, che sta a casa: ciao Libero".

Erma Metal:"Un'emozione indescrivibile dedico la vittoria alla Mescal, la vittoria alloa mia casa discografica che ha creduto in me, quando nessun altro lo faceva..

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci