Davide Aicardi.Un ingauno con Paperino ....nella galassio di Feudarnia!

L’intero staff di disegnatori vede la firma delle capaci matite genovesi e un imperiese.

Borghetto Revisioni

Si chiama Donald Quest, ed è la nuova saga della Walt Disney in edicola in queste settimane su Topolino, il giornale di fumetti per bambini più famoso dello Stivale.

Dalle spiccate atmosfere steampunk, Donald Quest racconta la storia dell’Eletto, Paperino, che con l’aiuto di un Magico Martellone Gigante e dei suoi tre nipotini, Qui, Quo e Qua, deve salvare la galassia di Feudarnia da una terribile invasione di mostriciattoli venuti da chissà dove.

Nell’avventura compaiono tutti gli storici personaggi disneyani, da Topolino a Pippo, da Zio Paperone ad Archimede.

Già uscita in Francia e negli USA; Donald Quest approda anche nel nostro paese, divisa in cinque puntate e pubblicata sul settimanale dedicato al Topo più simpatico del mondo intero.

Uno dei burattinai di questa storia è lo sceneggiatore ingauno Davide Aicardi, che è anche lo scrittore de “Il Mare di Mais”, terzo episodio della saga e attualmente in edicola sul numero di Topolino, uscito mercoledì scorso.

Aicardi, che divide la sua vita tra Loano, dove attualmente risiede, e Milano, alterna la scrittura di fumetti e serie tv (Camera Cafè, Winx, Angry Birds, Sandokan) all’insegnamento (Scuola del Fumetto di Milano, Centro Sperimentale di Cinematografia) e ha fondato da qualche anno la Visual School, Scuola di arti Grafiche e Audiovisive, un polo formativo dove insegnare le arti della scrittura, del fumetto, del cinema e dei moderni media anche nella sua Albenga, città dove è nato.

“Scrivere di Feudarnia è stato un viaggio fantastico, che mi ha permesso di esplorare mondi meravigliosi” – dichiara Davide in un’intervista comparsa proprio su Topolino.

Ma Aicardi non è l’unico ligure che si è perso per la galassia di Feudarnia. L’intero staff di disegnatori appartiene infatti alla nostra terra e la saga vede la firma delle capaci matite genovesi di Andrea Freccero, Francesco D’Ippolito, Paolo De Lorenzi, oltre che del giovanissimo imperiese Stefano Zanchi.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci