Condividi l'articolo

Albenga (4.12.20) “A volte mi chiedo se chi amministra la nostra nazione, in un momento drammatico come quello che stiamo vivendo, si renda conto dei danni che sta provocando con scelte che non hanno nessuna spiegazione logica. Mi riferisco all’ultimo Dpcm che detta le regole da seguire per le festività natalizie, un decreto onestamente iniquo, penalizzante e suicida soprattutto per un territorio come il nostro, fatto di piccoli comuni montani. Mi chiedo se sia mai possibile che in una grande città, penso non solo ad una metropoli come Roma, ma anche a città più piccole, come Genova, Savona, Sanremo gli abitanti possano muoversi liberamente all’interno del loro comune, e lo stesso vale per comuni di poche centinaia di abitanti, penso a Nasino, Arnasco, Stellanello solo per citarne alcuni. Soprattutto penso al danno economico per i ristoratori. Possono tenere aperto, a pranzo, ma mi chiedo se convenga aprire ad un locale di Ortovero o Toirano se non può avere una clientela in arrivo da altri comuni. Io capisco la necessità di garantire la salute, ma credo che si debba legiferare con un po’ di sale in zucca, con buonsenso. Cosa che Pd e Movimento 5 Stelle, evidentemente, non hanno se legiferano con questa sciatteria e superficialità. Mi auguro solo che almeno Babbo Natale abbia una deroga per spostarsi da comune a comune senza rischiare multe!”: così Eraldo Ciangherotti, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale ad Albenga e assessore provinciale.

c.s.

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici