Alos aiuta autistici a comunicare

Si applica su qualsiasi cellulare e tablet

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Genova. Si chiama Alos, è una startup genovese, fondata da una psicologa e un ingegnere, che ha messo a punto una app per permettere la comunicazione delle persone con disabilità intellettiva. Dalla loro collaborazione è nata AlosSpeak, che permette di facilitare e migliorare la comunicazione di autistici, di chi ha deficit cognitivi, disturbi del linguaggio, afasia e che può essere installato su ogni tipo di tablet o cellulare.

"La nostra mission è quella di creare strumenti che facilitano la comunicazione - spiega Federica Floris, psicologa, una delle due fondatrici - in persone con disabilità e difficoltà comunicative".

Ad oggi è partita una sperimentazione di tipo quantitativo e della quale non sono ancora stati resi noti i dati. "Dal punto di vista qualitativo, invece - conclude Floris - abbiamo importanti risposte dalle persone con le quali stiamo collaborando. Abbiamo individuato, sopratutto, una riduzione delle difficoltà comportamentali".

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci