Alassio rinvia il voto sulla Tassa di soggiorno

Indignazione degli albergatori.

Profumeria Simonini

Seduta accesa, anche quella odierna, per il Consiglio Comunale di Alassio, che tra i punti all'ordine del Giorno aveva previsto la delicata attuazione della nuova Tassa di soggiorno.

Un argomento di vivo interesse per gli albergatori della città del muretto, a forte vocazione turistica, accorsi numerosi per la possibile entrata in vigore dell'imposta, la cui discussione, per decisione del Cosiglio, è stata rimandata tra una decina di giorni, per avere il giusto tempo di incontri e valutazioni delle modifiche volute dalle associazioni di categoria, con le quali gli amministratori dovranno ancora confrontarsi.

Un retro front dettato dalla paura di non avere i numeri sufficienti per l'approvazione del punto appositamente stralciato, secondo la minoranza, tra i cui banchi ha trovato posto anche l'ex assessore Monica Zioni, tornata dopo la fuoriuscita dalla maggiornaza, che certamente avrebbe potuto influire pesantemente sull'esito dell'eventuale votazione.

Non sono comunque mancate le contestazioni da parte dei consiglieri Piera Olivieri e Angelo Gualtieri, in disaccordo sui tempi in cui sarebbero pervenute le richieste di integrazioni e modifiche al regolamento sulla Tassa di soggiorno da parte degli albenrgatori

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi