Mediagold.it

Notizie, turismo, attualità e curiosità della Liguria e non solo

Per il 78% degli italiani le rinnovabili sono l’energia del futuro

Tempo di lettura: 1 minuto

L’85% degli intervistati ritiene che l’Italia dovrebbe puntare sul solare e il 63% sull’eolico, secondo i dati della Fondazione UniVerde.

Gli italiani promuovono le rinnovabili, in particolare il solare. Secondo il 18esimo rapporto “Gli italiani, il solare e la green economy”, realizzato dall’Osservatorio sul solare della Fondazione UniVerde e da Noto Sondaggi, l’85% degli intervistati ritiene che l’Italia, pensando al futuro, dovrebbe puntare sul solare, il 63% sull’eolico e si attestano solo intorno al 5% i sostenitori del nucleare, mentre scendono al 4% quelli dei combustibili fossili (-1% rispetto alla precedente rilevazione). Il 78% degli italiani è certo che il mercato dell’energia del futuro andrà verso le rinnovabili (+6%). In questa edizione, il rapporto include il focus “Rinnovabili sostenibili, efficienza energetica ed ecobonus. Cambiamenti climatici e pandemie”. In tema di efficienza energetica, il 63% degli italiani ha sentito parlare del Super Ecobonus del 110% per incentivare l’efficienza energetica e si dichiara interessato. Il 68% lo giudica una iniziativa positiva che può migliorare l’efficienza energetica del proprio immobile.

La conoscenza dell’ecobonus

Si conferma, rispettivamente all’84% e all’83%, il campione che non ha dubbi sul fatto che il solare e l’eolico, rispetto a quella tradizionale, rappresentino l’energia più compatibile con l’ambiente. Il 90% ha la certezza che passare al solare oggi sia più sicuro. Dal Rapporto emerge che il 71% è a conoscenza del fatto che, dal 2007, esiste in Italia un ecobonus per rendere più efficienti gli edifici e utilizzare energia che proviene da fonti rinnovabili, però senza mai beneficiarne. La maggioranza degli intervistati si dimostra pronta a installare pannelli fotovoltaici se si facilitasse l’autoconsumo e si eliminassero burocrazia e ostacoli. Il 70%, tuttavia, lo ritiene sia tecnicamente complesso (+20%) sia caro e difficile da gestire (+26%, rispetto alla precedente rilevazione).

image_pdfScarica il PDFimage_printStampa
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: