Ricerca, ambiente: i nostri mari stanno catturando più carbonio del previsto

Gran parte dell'anidride carbonica emessa dall'attività umana non rimane nell'atmosfera ma viene assorbita dagli oceani e dalla vegetazione terrestre, i cosiddetti "pozzi di carbonio".

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Gli oceani della Terra aiutano a rallentare il riscaldamento globale assorbendo il carbonio dalla nostra atmosfera, ma osservare appieno questo processo cruciale negli strati superiori dell'oceano e negli strati inferiori dell'atmosfera è difficile, poiché le misurazioni non vengono effettuate dove si verifica, la superficie del mare, ma diversi metri più in profondità. Una nuova ricerca è stata realizzata utilizzando i dati dei satelliti ESA, NASA e NOAA per correggere questo problema ed è stato scoperto che molto più carbonio viene assorbito dagli oceani di quanto si pensasse in precedenza.

Gran parte dell'anidride carbonica emessa dall'attività umana non rimane nell'atmosfera ma viene assorbita dagli oceani e dalla vegetazione terrestre, i cosiddetti "pozzi di carbonio".

Sono in corso sforzi per raccogliere e compilare misurazioni in situ del pozzo oceanico all'interno dell'archivio Surface Ocean CO Atlas, o SOCAT , che contiene oltre 28 milioni di osservazioni internazionali dei nostri oceani e dei mari costieri dal 1957 al 2020. Analizzando il vasto database del SOCAT, gli scienziati possono identificare la quantità di carbonio che viene aspirata dall'atmosfera e immagazzinata dai nostri mari.

«Tuttavia, c'è un problema: le misurazioni non vengono effettuate direttamente sulla superficie dell'oceano dove sono necessarie, ma da alcuni metri di profondità», spiega Andrew Watson dell'Università di Exeter, Regno Unito, autore principale del nuovo studio. Sebbene la differenza possa essere di pochi metri, la temperatura della superficie del mare cambia con la profondità e così anche la sua capacità associata di assorbire il carbonio dall'atmosfera.

«Studi precedenti hanno ignorato le piccole differenze di temperatura tra la superficie dell'oceano e la profondità di campionamento, ma sappiamo che questo ha un impatto significativo sul modo in cui il carbonio viene trattenuto dagli oceani in termini di salinità, solubilità, stabilità e così via - aggiunge Andrew -. Ma i satelliti possono misurare la temperatura più o meno esattamente sulla superficie dell'oceano - e quando lo facciamo, scopriamo che ciò fa una grande differenza».

Applicando le correzioni satellitari ai dati SOCAT dal 1992 al 2018 per tenere conto delle differenze di temperatura tra la superficie e a pochi metri di profondità, i ricercatori hanno riscontrato un assorbimento di anidride carbonica da parte dell'oceano sostanzialmente più elevato di quanto si pensasse in precedenza. Sono stati in grado di farlo grazie ai dati di una suite di satelliti come Envisat dell'ESA, AVHRR del NOAA, la serie MetOp di EUMETSAT e la missione Sentinel-3 di Copernicus, in primo luogo come parte del progetto di ricerca OceanFlux (parte del programma Science for Society dell'ESA ), poi proseguito nell'ambito di due progetti finanziati dall'UE.

Le cifre corrette rivelano che il flusso netto di carbonio negli oceani è sottostimato fino a 0,9 gigatonnellate di carbonio all'anno, una quantità significativa che, a volte, raddoppia i valori non corretti.

«Questi risultati sono coerenti con le stime indipendenti delle dimensioni del pozzo di carbonio oceanico - quelle basate su indagini oceaniche globali effettuate da navi di ricerca», aggiunge il coautore Jamie Shutler, anch'egli dell'Università di Exeter. «Ora che queste due stime separate delle dimensioni del bacino oceanico di anidride carbonica concordano abbastanza bene, possiamo visualizzare e utilizzare i loro risultati con maggiore sicurezza e confidare che molto probabilmente ci stanno dando un quadro preciso di ciò che sta accadendo».

Andrew e Jamie hanno fatto entrambi parte di un team di ricerca a livello europeo, inclusi ricercatori della Heriot-Watt University e dell'UHI, in Scozia, che in precedenza hanno utilizzato i dati SOCAT per stimare il modo in cui il carbonio fluisce dentro e fuori i nostri oceani con una precisione senza precedenti. Hanno scoperto che, solo nel 2010, tre gigatonnellate di carbonio sono state attirate nell'oceano: circa un terzo delle emissioni causate dall'attività umana. Questa scoperta è in contrasto con le precedenti stime di un quarto, portando Andrew, Jamie e colleghi a concludere - come in questo studio - che il ruolo degli oceani nel catturare il carbonio atmosferico è sottovalutato.

Sebbene ciò possa portare benefici positivi in ​​termini di riduzione del riscaldamento atmosferico dovuto ai cambiamenti climatici, poiché più anidride carbonica viene rimossa dall'aria, gli oceani sono influenzati dal carbonio che assorbono. Diventano più acidi, il che minaccia la salute degli ecosistemi marini e rende sempre più difficile la sopravvivenza della vita oceanica.

«L'importanza dei nostri oceani sia nella regolazione del clima che nel sostegno alla biodiversità non può essere sopravvalutata», aggiunge Craig Donlon dell'ESA. «In tutte le attività di osservazione della Terra dell'ESA, il nostro obiettivo è comprendere appieno il ruolo dei nostri oceani in termini di ciclo del carbonio. Questo risultato chiave, insieme ad altri ottenuti dalla dedizione e l'eccellente collaborazione del team di ESA OceanFlux, ci fornisce una solida base per questo e ci aiuterà a caratterizzare più accuratamente e comprendere meglio i cambiamenti climatici del nostro pianeta».

Il documento, pubblicato su Nature Communications , è intitolato: "Le stime riviste del flusso di CO2 nell'atmosfera oceanica sono coerenti con l'inventario del carbonio nell'oceano".

(fonte: ESA)

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci