Spezia: piano per lo stop della centrale a carbone

Opposizioni critiche: "Sindaco dica no al turbo-gas".

Ferrari Innovations

Spezia. Il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini annuncia di aver ricevuto da Enel il piano di dismissione dell'unità a carbone della centrale Eugenio Montale della Spezia. «Stop al carbone. Quello che fino ad oggi era solo uno slogan abusato e da molti pronunciato, ora, grazie all'impegno della mia Amministrazione, trova la sua attuazione con l'annuncio di Enel della dismissione dell'unità SP3» ha detto il sindaco.

Il piano contiene i passaggi che «condurranno a uno storico risultato per la città». Nel progetto è prevista anche «un'accurata bonifica dell'area. Per dare avvio alle operazione è necessario il nulla osta del Mise a seguito del quale Enel provvederà a redigere e inoltrare, entro 6 mesi, il cronoprogramma attuativo». Un primo tassello, conclude, «verso l'addio definitivo nel 2021 al carbone».

Critiche le opposizioni: «Peracchini non ha meriti. L'uscita dal carbone per la centrale Enel è nota da tempo. Il problema è il turbo gas e il futuro dell'area. Dimostri che impedirà la trasformazione a gas».

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci