"La collina di Spoon River e le canzoni di De André" sul Molo Marinai d'Italia a Varazze

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

“La collina di Spoon River e le canzoni di Fabrizio De André”, uno spettacolo che apre la stagione estiva degli eventi di Varazze (sabato 4 luglio alle ore 21.30); una stagione particolare conferma il Sindaco Alessandro Bozzano, «con scelte diverse nella programmazione degli eventi che abbiamo dovuto rivedere per intero con l’assessore al Turismo tenendo conto ed osservando tutte le normative riguardanti il contenimento Covid».

Il primo appuntamento nel luogo più suggestivo della città di Varazze, Molo Marinai d’Italia, è lo spettacolo dedicato all’antologia di Spoon River e alle canzoni di Fabrizio de André, in collaborazione con l’Antico Teatro Sacco di Savona e Il Teatro Sipario Strappato di Arenzano.

Per la regia di Lazzaro Calcagno, lo spettacolo fu allestito la prima volta per il 70° anniversario della prima traduzione dell’Antologia di Spoon River a cura di Fernanda Pivano, condannata dal regime fascista per il sentimento libertario che si respirava nell’opera.

L’opera è una raccolta di poesie in forma di epitaffio, che raccontano la vita delle persone sepolte nel cimitero di un piccolo paesino immaginario della provincia americana.

Fabrizio De André lesse Spoon River a diciotto anni, ritrovando se stesso in alcuni personaggi, scelse nove poesie dall’intera raccolta e, con la collaborazione di Giuseppe Bentivoglio e Nicola Piovani, rielaborò i testi, scrisse le musiche e le raccolse nell’album “Non al denaro non all’amore né al cielo”.

In una scena asciutta caratterizzata da un baule colmo di antichi oggetti di uso comune, scorrono proprio i personaggi che hanno ispirato il cantautore genovese, evocati da Antonio Carlucci, Sara Damonte, Antonella Margapoti e Manuela Salviati.

Canzoni e musiche eseguite dal vivo dai London Valour, Matteo Troilo voce e chitarra, Federica Calcagno al violino, Enrico Bovone alle percussioni .

Canzoni di Fabrizio De Andrè.
Testo e Regia di Lazzaro Calcagno.
Produzione: Il Sipario Strappato – Antico Teatro Sacco.

INGRESSO LIBERO CON POSTI LIMITATI

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci