Condividi l'articolo

Dove non riuscì il comune di Savona per mancanza di fondi e sponsor, poterono i privati cittadini; che iniziarono a sparare botti e fuochi d’artificio esplosivi dieci minuti prima di mezzanotte e smisero non prima di venti minuti dopo (mezzanotte).

La Protezione Animali diffonde un filmato di 9 secondi ripreso nel quartiere savonese di Villapiana; a macchia di leopardo un po’ in tutte le altre zone il bombardamento è stato continuo per quasi mezz’ora, malgrado divieti, inviti ed appelli, con buona pace di malati, infermi ed animali domestici e selvatici.

Il bollettino nazionale, ancora parziale purtroppo, di questa incredibile guerra, riporta un morto ad Ascoli e 204 feriti più o meno gravi; in provincia si contano diversi feriti che hanno dovuto ricorrere al pronto soccorso ed alcuni incendi di cassonetti e sterpaglie ad Alassio, Toirano e Finale, di un albero a Loano ed un canneto ad Abisola (quanti animali inceneriti?), che hanno richiesto l’intervento dei sempre benemeriti Vigili del fuoco.

c.s.

Resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News

Seguici