Finale Ligure si prepara a "TerraMare"

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

Finale Ligure. Torna per il secondo anno a Finalpia, antico quartiere agricolo di Finale Ligure ma anche borgo affacciato sul mare, TerraMare, manifestazione che venerdì 1 e sabato 2 novembre trasformerà il centro storico, riqualificato e pedonalizzato, in un mercato dove le eccellenze del bosco e della terra si sposano con quelle del mare. Obiettivo dell’evento è promuovere e valorizzare l’identità agricola e gastronomica del territorio finalese e la tutela del paesaggio come elementi propulsori di un turismo “buono, pulito e giusto”. Abbiamo la fortuna di avere un territorio unico, ricco di storia, sapori, paesaggi.

Negli ultimi anni grazie a visionari imprenditori e appassionati, il finalese ha puntato per primo sul turismo outdoor delle arrampicate e delle mountain bike. Oggi questo non basta più. La chiave di volta per il futuro è riappropriarsi, in maniera intelligente e sostenibile, del territorio. Allora dobbiamo tornare all’antico, ripristinare o semplicemente ripulire i sentieri che dalla costa arrivano alla collina, all’entroterra, creare percorsi che possano portare i turisti “outsider” che viaggiano fuori stagione, fuori dai luoghi comuni, dalla costa all’entroterra, alla scoperta delle aziende vinicole, olivicole, agricole, del patrimonio architettonico, monumentale e paesaggistico diffuso su tutto il territorio. Il tema di TerraMare di quest’anno è dedicato proprio al racconto di quelle realtà e potenzialità che oggi ha il turismo più slow, più consapevole curioso e sostenibile qui sul territorio. Per questo, venerdì 1, in concomitanza con l’apertura di TerraMare, si svolgerà il talk show in musica “Viaggiatori fuori stagione. Il turismo sostenibile nel finalese” dove si parlerà proprio di quanto fatto e di quanto resta ancora da fare per promuovere e valorizzare il turismo slow del fuori stagione.

Nei due giorni di TerraMare ci saranno stand nei quali andare alla scoperta della straordinaria biodiversità dei prodotti finalesi di terra e di mare, imparare divertendosi con i laboratori gratuiti per grandi e piccini realizzati dalla locale Condotta Slow Food e dal CEA Finale Ntìatura, partecipare ai talk show in musica con degustazione, un focus sul miele ligure in collaborazione con Apiliguria, musica e, naturalmente, ristorazione di qualità. I visitatori potranno a pranzo gustare la cucina di terra e di mare realizzata con i prodotti del territorio dallo chef Jacopo Lovisolo nell’Osteria di TerraMare ospitata in un’ampia tensostruttura riscaldata in Piazza Oberdan, e tutto il giorno assaggiare passeggiando le specialità della tradizione ligure e finalese nel percorso gastronomico che si svolge lungo tutto il centro storico di Finalpia.

TerraMare aspetta i suoi ospiti a Finalpia in Piazza Oberdan, via Porro e via Drione sia sabato che domenica, dalle 10 alle 19.

Il programma, ricco e interessante, è quasi completato e, nei prossimi giorni, sarà reso pubblico.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci