Ceriale, riqualificazione area Torelli: via libera alle demolizioni

L’assessore all’Urbanistica Valentina Molli: “A febbraio i lavori di rifacimento della scogliera a protezione del lungomare”

La TUA pubblicità qui. Contattaci

Ceriale. Dopo una fase preliminare di sgombero degli arredi e delle attrezzature accessorie interne iniziata nella primavera del 2019, arriva finalmente il via libera per i lavori di demolizione degli edifici dell’ex albergo Torelli e pensione Jolanda nell’area a levante di Ceriale.

Il cantiere, che era stato aperto nel pieno rispetto della normativa urbanistica vigente, ha subìto delle lungaggini burocratiche non dipendenti né dall’amministrazione comunale, né dalla società “Duemila” srl, solida e intenzionata a portare a termine l’operazione. «Motivo dei rallentamenti il ritardo da parte delle Ferrovie dello Stato Italiane nella risposta all’istanza di perfezionamento del parere preventivo di fattibilità già ottenuto in data 18 aprile 2017, richiesta dalla ditta proprietaria in data 9 luglio 2019 e la cui autorizzazione è stata rilasciata lo scorso 17 dicembre 2019» precisa l’assessore all’Edilizia Privata e all’Urbanistica Valentina Molli.

«L’amministrazione cerialese ha preferito evitare di far ripartire il cantiere in concomitanza con le festività natalizie, pertanto, dopo aver verificato la completezza di tutte le pratiche necessarie, il permesso di costruire è stato rilasciato e notificato il 10 gennaio e i lavori potranno iniziare già da questa settimana. In base alle indicazioni fornite dalla “Duemila” srl le demolizioni dovrebbero avere una durata di circa tre mesi, in modo da ridurre al minimo i disagi in vista della stagione estiva e per le festività di Pasqua, periodo molto frequentato dai turisti e dai proprietari di seconde case in riviera, come da noi richiesto» aggiunge ancora l’assessore cerialese.

L’intervento prevede la demolizione e ricostruzione dell’ex hotel Torelli e di Villa Jolanda in applicazione della legge regionale n. 49/2009 (Piano Casa); a progetto un piano interrato adibito a box e una struttura che va dai 3 ai 5 piani fuori terra e saranno realizzate 36 unità abitative, per alcune delle quali sono già stati stipulati dei compromessi di vendita. La società stima che il cantiere possa terminare tra giugno e luglio 2021.

A compensazione degli standard urbanistici il soggetto attuatore cederà al comune di Ceriale un’area di circa 2.800 metri nella zona del Parco Acquatico “Le Caravelle”, dove sono previsti un allargamento stradale e la realizzazione di marciapiedi, parcheggi ed aree verdi pubbliche; è prevista inoltre, a carico del soggetto attuatore, la realizzazione del tratto di passeggiata che collega la Pineta di Ceriale alla passerella di Borghetto S.Spirito.

L’assessore Molli ha aggiunto che «è in fase di redazione il piano per l’edilizia economica e popolare del Comune di Ceriale, la cui adozione permetterà di utilizzare direttamente la somma di 70.000 euro, consistente nella percentuale di oneri di urbanizzazione per legge destinata agli alloggi di Edilizia Pubblica e Sociale, evitando che i fondi vengano trasferiti alla Regione».

«Contestualmente, entro il mese di febbraio, avranno inizio i lavori per il rifacimento della scogliera di protezione della tratto di passeggiata sul mare che collega la Pineta a Borghetto. I lavori, finanziati con contributi regionali per un importo di circa 40.000 euro avranno una durata di circa 30 giorni» conclude l’assessore Valentina Molli.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci