Ceriale, accorpamento scuole: “L’obiettivo è non creare disagi alle famiglie”

Le precisazioni del sindaco Luigi Romano: “Anche Borghetto potrebbe subire un accorpamento come successo per Ceriale”

La TUA pubblicità qui. Contattaci

“In merito alle notizie di stampa apparse su un possibile “divorzio” da Albenga da parte delle scuole di Ceriale, intendo precisare che non c’è, al momento, nessuna decisione ufficiale”. Lo afferma il sindaco Luigi Romano.

“E’ opportuno premettere che il rapporto tra l’istituto comprensivo cerialese e quello di Albenga è al momento gestito in maniera corretta da entrambi le parti”.

E il sindaco Romano spiega: “Il tutto nasce da una lettera inviata nei giorni scorsi dalla Provincia indirizzata ai sindaci, in cui si comunica che la Regione Liguria ha anticipato il termine per l’approvazione del nuovo piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche, invitando quindi le scuole e gli enti ad iniziare l’iter procedurale finalizzato all’esame di eventuali proposte di modifica ai fabbisogni dell’attuale offerta formativa”.

“A seguito di tale comunicazione, in un incontro molto informale con il sindaco Giancarlo Canepa, si è fatta una valutazione di opportunità considerato che, in caso di modifiche delle quote minime di iscritti, anche Borghetto Santo Spirito (o meglio l’istituto comprensivo Val Varatella) potrebbe incorrere in un accorpamento come successo a Ceriale lo scorso anno”.

“Quindi ribadisco nessun problema con Albenga, ma il desiderio di mantenere degli istituti comprensivi con un numeri di iscritti gestibili, per evitare grossi accorpamenti che non potrebbero che creare ulteriori disagi alle famiglie”.

“Nei prossimi giorni approfondiremo l’argomento anche con il coinvolgimento delle autorità scolastiche e prenderemo una decisione definitiva” conclude il primo cittadino cerialese.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci