Andora, bullismo e sicurezza stradale al centro degli incontri nelle scuole del progetto “Cresciamo in Sicurezza”

Demichelis: "Si tratta di temi importanti di cui è necessario parlare ai bambini, con strumenti adeguati come i cartoni animati, i video o gli incontri con la Polizia Municipale, affinché imparino l’importanza del rispetto delle regole di sicurezza"

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

AndoraBullismo e sicurezza stradale sono stati i temi al centro dei primi incontri realizzati nelle scuole Materne, Primarie e Secondarie di primo grado di Andora nell’ambito del progetto “Cresciamo in sicurezza, scegliendo la vita”, promosso in collaborazione con l’UNICEF-Ufficio territoriale di Savona, dalla Regione Liguria, dalla Provincia di Savona e dal Comune di Andora.

«Si tratta di temi importanti di cui è necessario parlare ai bambini, con strumenti adeguati come i cartoni animati, i video o gli incontri con la Polizia Municipale, affinché imparino l’importanza del rispetto delle regole di sicurezza, ma anche perché vedano negli agenti punti di riferimento da contattare in caso di bisogno» ha detto il sindaco Mauro Demichelis, presentando l’adesione del progetto.

La giornata dedicata al tema della sicurezza è stata introdotta Roberta Gasco, fra i curatori del Progetto.

I bambini delle scuole materne hanno partecipato ad una lezione speciale di educazione alla sicurezza stradale, realizzata dagli Agenti della Polizia Municipale di Andora, Fabiana De Putti e Paola Bellan, scoprendo i comportamenti da attuare e l’importanza del rispetto del Codice della strada, sia per i pedoni che per gli automobilisti e passeggeri.

Il tema del bullismo è stato trattato, invece, nelle scuole Primarie e Secondarie di primo grado con discussioni e la visione di filmati dedicati al tema che sono stati un invito alla riflessione per capire che anche comportamenti che si pensano innocui possono essere offensivi o dannosi.

«L’obiettivo del progetto è promuovere tra i bambini e gli adolescenti la conoscenza del tema della sicurezza stradale e sostenere un’azione diffusa di sensibilizzazione volta a prevenire e contrastare i fenomeni del bullismo, ma anche l’uso di sostanze quali droga, fumo e alcool che saranno al centro di incontri con i più grandicelli» ha spiegato la dirigente scolastica Maria Teresa Nasi.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci