Mediagold.it

Notizie, turismo, attualità e curiosità della Liguria e non solo

Annunci

Lettera aperta dei “Cittadini Stanchi” sul caso dell’ospedale ingauno

Tempo di lettura: 3 minuti

I “Cittadini” chiedono partecipazione per un dibattito pubblico con gli enti interessati.

Ci è giunto in redazione il comunicato dei “Cittadini Stanchi”. Una lettera aperta a tutti, dove viene richiesto un confronto per ottenere chiarimenti sulla situazione preoccupante dell’Ospedale ingauno S.Maria di Misericordia, di cui ne riportiamo i contenuti:

«Ci scusiamo in anticipo se, ancora una volta, vogliamo portare all’attenzione di tutti, i nostri sacrosanti “mugugni”, ma le notizie recenti sul nostro ospedale non possono non trovare un nostro commento.

Lasciamo da parte ogni discorso sul pubblico o privato, lasciamo da parte i recenti scandali che hanno colpito proprio parte del privato in Albenga, anche se per casi commessi altrove (grazie a Dio). Quello che vogliamo chiedere sono delucidazioni riguardo al futuro del nostro ospedale.

Da subito, come Cittadini Stanchi, abbiamo dato battaglia per poter finalmente avere una struttura per noi pubblica sfruttata al meglio, che potesse in parte tranquillizzare tutto il comprensorio ingauno oltre che i tanti turisti foresti che arrivano da noi nei periodi di vacanza. Ci sembra il minimo. Ci sembra doveroso. Ora invece ci troviamo in una situazione di totale confusione e di smantellamento del nostro ospedale.

Ancora oggi viene sottolineato da un articolo sincero del dott. Gori, nel quale si portano all’evidenza di tutti, le carenze come organico con le conseguenze ovvie: parliamo di sale operatorie chiuse, così come di reparti che chiudono nel fine settimana, 1200 persone in lista di attesa, ecc.

Situazione drammatica se pensate che parliamo del bene a noi più prezioso, ossia la salute.

L’On. Toti e l’Assessore Viale sarebbero dovuti venire a maggio per spiegarci i fatti in un incontro pubblico, più volte richiesto anche dal Sindaco stesso. Voi li avete visti?

Vi sembra giusto che tutto avvenga alle nostre spalle e in più, vivere noi sulla nostra pelle questo disagio creato da loro?

E le sedi locali di quei partiti che governano in Regione e la Sanità ligure cosa fanno? Cosa dicono? Nulla, silenzio tombale per non dire vergognoso. E le loro manifestazioni per l’ospedale ve le ricordate? I loro video? I loro slogan a riguardo?

Poveri noi, lasciamoli da parte e attiviamoci. Non ci servono, o meglio, non serviamo più noi a loro, ricordatevelo bene.

Chiediamo un dibattito pubblico con questi politici locali e che abbiano almeno il coraggio di parlarci viso a viso e guardarci negli occhi mentre troveranno l’ennesima scusa. Dobbiamo anche per questo tema raccogliere firme? Ci sembra assurdo che, alla fine, i cittadini siano su un così importante tema, abbandonati da tutte le istituzioni! Dimostrazione del fallimento della vecchia politica magari anche fatta da relativamente giovani, ma vecchi dentro.

Vi chiediamo di interessarvi, non vi chiediamo di scegliere tra pubblico o privato o meglio, non vi chiediamo di cambiare idea, ma solamente di informarvi e di aiutarci a vicenda per fare in modo che questo situazione assurda possa risolversi al meglio per noi cittadini.

Dicono che per un anno e mezzo o due, finché non si faranno le gare e altra burocrazia, la situazione sia questa: un ospedale visto già come privato, e quindi smantellato, e di certo senza più investimenti della Regione, e dall’altra parte un ospedale sulla carta ancora pubblico, quindi senza ufficialità e senza investimenti privati. carne pesce. E la nostra salute messa in mano alla burocrazia ed a politicanti acrobati e menefreghisti.

Se vi va questa battaglia, facciamola assieme o, almeno, assieme proviamoci. Chiunque condivida queste preoccupazioni e voglia invece chiarezza, ci contatti, ed insieme vedremo il da farsi.

Invito aperto a chiunque. La nostra priorità non è fare politica, ma fare i nostri interessi!

Se le cose fino ad oggi sono andate male e si sono alternati un po’ tutti, vorrà pur dire qualche cosa o no? Non vi viene il dubbio che loro siano parte importante dei problemi cittadini? E allora proviamo a cambiare mentalità e , saltando gli intermediari, attiviamoci!

I Cittadini Stanchi»

image_pdfScarica il PDFimage_printStampa
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: