I lavoratori che hanno ideato e costruito il prototipo del P1HH sono pronti a rifarlo

Dopo la caduta del drone nulla è perduto recupereremo in fretta

Ferrari Innovations

Mercoledì 1 giugno si sono tenute le assemblee nello stabilimento Piaggio Aerospace di Villanova d’Albenga per fare il punto della situazione aziendale.
La RSU ha comunicato ai lavoratori l’esito delle richieste inviate alle Istituzioni per sensibilizzarle all’attenzione e pronto intervento verso la nostra vertenza e quella di altre realtà del territorio savonese in sofferenza.Infatti nella giornata di ieri la rappresentanza sindacale ha partecipato alla manifestazione tenutasi a Vado Ligure.
La Regione Liguria convocherà CGIL CISL UIL di Savona venerdì 3 giugno alle ore 10:00. Allo stesso incontro parteciperanno i segretari provinciali e le rappresentanze sindacali di Piaggio, Bombardier e Tirreno Power. Una delegazione di lavoratori effettuerà presidio davanti alla sede regionale.

In data 16 giugno alle ore 15:00 è stato fissato l’incontro sulla crisi del savonese presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Da questo discenderanno appuntamenti specifici per le varie realtà, ognuna con le sue specificità. Per Piaggio è previsto un incontro al Ministero del Lavoro per verificare la situazione sul rinnovo degli ammortizzatori sociali in scadenza il prossimo 21 luglio. La questione Piaggio dovrà completarsi in sede di Ministero dello Sviluppo Economico a valle dei contatti in corso tra il Governo Italiano e l’Azionista.
In assemblea è stata chiaramente condivisa la situazione aziendale e l’impegno delle Istituzioni, dei parlamentari locali per giungere ad una soluzione che superi la crisi dopo l’esito del piano di ristrutturazione dello scorso anno. La consapevolezza dei lavoratori sul valore della loro professionalità e competenza è riconosciuta in tutte le sedi e dovrà pesare nell’andamento della trattativa in corsi nei modi e tempi opportuni. L’azienda incontrerà i lavoratori in sede di Unione Industriali il prossimo 9 giugno.
Intanto oggi i lavoratori hanno ricevuto una lettera dell’Azienda a fronte dell’inconveniente accaduto a Trapani lo scorso 31 maggio ad un P1HH in volo sperimentale. L’azienda ha informato dell’accaduto, sottolineato che sta mettendo in atto tutte le misure per recuperare in fretta e pertanto ha
richiesto ai lavoratori il loro contributo per completare il programma di sviluppo e consegna dei velivoli.
Registriamo che molte informazioni circolanti sulla stampa sulla nostra vicenda sono fuorvianti della nostra situazione e del pensiero dei lavoratori che vorrebbero invece che fossero messe in luce le loro capacità professionali che hanno saputo attirare investitori da tutto il mondo e reso possibile un salto tecnologico al nostro Paese.
I lavoratori che hanno ideato e costruito il prototipo del P1HH sono pronti a rifarlo.

C.S.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci