Albenga sempre più sicura: maxi operazione di controllo del territorio

L’assessore Vannucci: «Mai come ora i nostri agenti di polizia locale stanno svolgendo una peculiare attività di polizia giudiziaria volta a garantire la sicurezza della cittadinanza e dei turisti».

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

Albenga. Maxi operazione di pattugliamento e controllo del territorio da parte della Polizia Locale di Albenga. Gli uomini e le donne dell’Ufficio di Sicurezza Urbana della Polizia Locale hanno rivolto le loro attenzioni in particolare verso le zone sensibili della città anche a riscontro delle segnalazioni ricevute dai cittadini.

Gli interventi si sono concentrati in particolare in Piazza del Popolo, Piazza Europa e Vadino e hanno portato all’identificazione di 23 persone, al fotosegnalamento di 4 persone e all’emissione di una denuncia per violazione delle normative sull’immigrazione.

Sono stati monitorati e identificati, inoltre, soggetti che sostavano nelle zone nelle quali comunemente gli stessi si ritrovano a bivaccare, bere o ad attendere clienti di passaggio per frugali cessioni distanze stupefacenti e sono stati elevati 7 verbali di accertamento a norme contenute nel regolamento di polizia urbana.

L’attività degli agenti della Polizia Locale ha interessato anche alcune attività di somministrazione che sono state attentamente monitorate. Nell’occasione è stato notificato dispositivo del Questore ex art.100 Tulps al “Circolo Nono” di Via del Roggetto. L’attività di somministrazione alimenti e bevande resterà sospesa per 5 giorni.

Il presidio di pubblica sicurezza della Polizia Locale al Comando di Enzo Montan ottenuto a seguito di precedenti interventi e sopralluoghi e accertare violazioni amministrative continuerà anche nei prossimi giorni.

Afferma l’Assessore alla sicurezza Mauro Vannucci: «Mai come ora i nostri agenti di polizia stanno svolgendo una peculiare attività di polizia giudiziaria volta a garantire la sicurezza della cittadinanza e dei turisti. A tal proposito voglio ringraziare il comandante Enzo Montan e l’Ispettore Andrea Spanu, vera e propria mente organizzativa di questa attività di intelligence. Un sentito ringraziamento va anche ai carabinieri che ultimamente hanno proficuamente condotto attività volte al raggiungimento degli stessi obiettivi.»

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci