Ventimiglia: la Polizia di Stato recupera due carte di credito rubate solo poche ore prima

Tre giovani maghrebini sono indagati per ricettazione e indebito utilizzo delle tessere bancarie.

Pista Kart Indoor Albenga

La Polizia di Stato intensifica i servizi di controllo e prevenzione a Ventimiglia, anche in previsione dell’imminente stagione estiva, che ovviamente, esige un superiore impegno per tutti i servizi a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Il Questore di Imperia, Dr. Capocasa, ha predisposto un dispositivo rinforzato da operatori di Polizia aggregati, specializzati nel controllo del territorio.

Era da poco passata la mezzanotte di ieri quando, gli Agenti del Reparto Prevenzione Crimine di Genova, in forza a Ventimiglia, hanno fermato tre stranieri che erano parsi sospetti per gli atteggiamenti e i comportamenti assunti alla sola vista della pattuglia della Polizia di Stato.

I tre giovani, con età comprese tra i 18 e i 25 anni, sono risultati tutti di origine magrhebina.

Soltanto uno dei tre, cittadino del Marocco, era privo di documenti di identità e di permesso di soggiorno ed è stato sottoposto alla procedura amministrativa prevista dalla legge per l’inosservanza delle norme sugli stranieri.

Gli altri due, un marocchino 19enne e un tunisino di soli 18 anni, hanno esibito regolari documenti di soggiorno, rispettivamente un permesso di soggiorno spagnolo e uno francese.

Non appena avvicinati dai poliziotti, con una mossa furtiva, hanno tentato di disfarsi di una carta di credito intestata a un cittadino italiano residente in provincia di Savona.

I tre uomini, negli uffici del Commissariato di Pubblica Sicurezza, sono stati perquisiti e sottoposti a più approfondite verifiche che hanno consentito di recuperare una seconda carta di credito intestata alla stessa persona della precedente.

I tre malviventi avevano con sé anche una capiente borsa, colma di generi alimentari e, soprattutto, di bevande alcoliche che erano state acquistate pochi minuti prima, in un supermercato di Ventimiglia, e pagate con le carte di credito rubate.

La Polizia di Stato ha rintracciato ed avvisato la vittima del furto che ha descritto tre individui notati durante il viaggio proprio perché, in maniera istintiva, ha ritenuto sospetti i loro comportamenti, oltraggiosi ed eccessivamente disinibiti.

Attualmente sono tutti indagati in stato di libertà, in concorso, per ricettazione e per l’indebito utilizzo della carta di credito. Uno di loro, già colpito da foglio di via del Questore di Imperia, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria anche per l’inosservanza del provvedimento.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

Centro Revisione Arnaldi