Mediagold.it

Notizie, turismo, attualità e curiosità della Liguria e non solo

Annunci

Porto di Vado Ligure: sequestrate 60.000 mascherine provenienti dalla Cina con indicazioni mendaci

Tempo di lettura: 1 minuto

Il container proveniva dalla Cina imbarcato su una motonave battente bandiera liberiana.

Un’operazione congiunta del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Savona e del locale Ufficio dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM), ha condotto al sequestro – nel porto di Vado Ligure – di 60 mila mascherine chirurgiche, bene ormai prezioso in ragione dell’emergenza epidemiologica Covid-19. Le indicazioni riportate sulle singole confezioni risultavano mendaci ed idonee a trarre in inganno gli acquirenti sull’origine e provenienza del prodotto, tali da configurare la violazione prevista dall’art. 517 del Codice Penale.

L’illecito carico è stato individuato grazie all’attività investigativa svolta dai finanzieri della Compagnia di Savona e dai funzionari dell’Ufficio delle Dogane di Savona, sui traffici che interessano il porto di Vado Ligure, importante snodo commerciale, interessato anche da rotte provenienti dall’Oriente.

Nel caso specifico è stato individuato un container in arrivo nel porto di Vado Ligure, proveniente dall’estremo oriente, precisamente dalla Cina (zona connotata da maggior rischio in relazione a possibili traffici illeciti), imbarcato su una motonave battente bandiera liberiana. A seguito di accurato controllo, all’interno del container sono stati rinvenuti 24 colli occultati tra scatole di tessuti, monitor lcd, tablet, contenenti ciascuno 2.500 mascherine chirurgiche destinate ad un’azienda del trevigiano operante nel comparto della promozione di gadget aziendali. Gli imballaggi esterni presentavano l’indicazione “made in China”, mentre sulle confezioni interne, destinate alla vendita al pubblico, era riportata l’indicazione di un produttore italiano, circostanza che avrebbe potuto trarre in inganno il consumatore, inducendolo a ritenere di trovarsi di fronte ad un prodotto nazionale.

I funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e i militari della Guardia di Finanza hanno quindi proceduto al sequestro delle mascherine ed alla denuncia all’Autorità Giudiziaria, per aver messo in circolazione prodotti recanti segni mendaci, di nr. 01 soggetto.

Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a verificare la qualità della merce sequestrata ed all’eventuale emersione di violazioni amministrative di natura fiscale.

L’attività svolta rientra in un più ampio e collaudato coordinamento operativo negli spazi portuali tra gli organi preposti alle attività di controllo (Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e Guardia di Finanza).

c.s.

image_pdfScarica il PDFimage_printStampa
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: