Condividi l'articolo

Rilanciata ieri l’applicazione per promuovere la mobilità sostenibile.

Genova. È stata promossa martedì 3 maggio alle 11.30, nella sala Unige World in via Balbi 40r, PRINCE, la APP che promuove e premia la mobilità sostenibile degli studenti dell’Università di Genova.

Il progetto, co-finanziato dal Ministero della Transizione Ecologica e promosso dal Comune di Genova, punta a favorire il cambiamento delle abitudini di viaggio.

PRINCE (PRemialità e INCEntivi per il cambiamento modale) è un progetto dedicato a studenti, dottorandi e assegnisti di UNIGE che gratifica chi decide di cambiare le abitudini di mobilità utilizzando, per i propri percorsi in città, mezzi sostenibili.

Questa app innovativa promuove la mobilità ecocompatibile tra gli studenti dell’Università di Genova che, potranno così accumulare punti che saranno convertiti in premi e vantaggi presso i partner convenzionati utilizzando utilizzano i mezzi di trasporto AMT, i parcheggi di interscambio, il car sharing Elettra e il bike sharing ZenabyBilke.

Sarà possibile aderire al progetto scaricando la app sul proprio smartphone Android.

L’iniziativa è sperimentale e innovativa. Grazie alla tecnologia Bluetooth, la app è in grado di dialogare con i dispositivi beacon installati sui veicoli di trasporto aderenti e consente l’accumulo punti che saranno convertiti in:

  • coupon e abbonamenti annuali giovani under 26 per viaggiare gratis sui mezzi del trasporto pubblico locale
  • abbonamenti e bonus per il servizio di car sharing Elettra e il bike sharing genovese ZenaByBike
  • ingressi in Musei (Galleria d’arte Moderna, Museo del Risorgimento, Wolfsoniana)
  • colazioni e aperitivi al Mentelocale Bistrot.

L’obiettivo del progetto PRINCE è avvicinare i giovani alla mobilità green nella quotidianità con un sistema incentivante verso una futura abitudine sostenibile.

Per gli utenti sarà possibile accumulare punti e richiedere i premi in palio fino al 30 novembre 2022 e riscuoterli entro il 31 dicembre 2023.

Il progetto cofinanziato dal Ministero della Transizione Ecologica con coordinatore il Comune di Genova e la partecipazione di Università di Genova, AMT, Genova Parcheggi, Genova Car Sharing, Algowatt e Quaeryon.

«Università e altre istituzioni, aziende pubbliche e private – ha detto l’assessore comunale all’ambiente e alla mobilità – continuano a focalizzarsi sulla sostenibilità ambientale della propria attività come su un mandato ormai imprescindibile. Lo stimolo verso un’attitudine nuova, indotta da questa iniziativa premiale, potrà poi diventare un meccanismo adottabile ed esteso a tutti i cittadini, con ricaduta di benefici su tutto il territorio comunale. L’Amministrazione crede in questa App, rilanciata oggi dopo uno stop causato dall’evento pandemico, anche dopo aver potuto valutare il successo di iniziative similari, come ad esempio Plastipremia per il conferimento dei rifiuti, che ha portato le persone all’adozione di comportamenti virtuosi».

«L’Ateneo di Genova da diversi anni è impegnato sul tema della sostenibilità, anche attraverso la promozione di azioni che determino una svolta sostenibile nella nostra quotidianità. Grazie al progetto PRINCE, iniziato nel 2018, è stato possibile collaborare e mettere in rete i principali attori del trasporto pubblico locale del Comune di Genova promuovendo comportamenti virtuosi nella mobilità quotidiana degli studenti. Questa collaborazione ha portato anche, all’inizio del presente anno accademico, alla gratuità dell’abbonamento AMT per le matricole. Grazie al progetto, la premialità è stata estesa a tutti gli studenti che utilizzeranno mezzi sostenibili nei loro spostamenti casa-università» ha dichiarato Adriana Del Borghi, prorettrice Sostenibilità dell’Università di Genova.

«Dopo l’iniziativa dell’abbonamento AMT gratuito per le matricole avviata lo scorso anno, sono lieto di presentare un nuovo progetto portato avanti con il Comune di Genova, nel segno della sostenibilità. L’Ateneo è molto impegnato su questo fronte e intende essere sempre più attivo nella sensibilizzazione sul tema e nella promozione di azioni che determino una svolta sostenibile nella nostra quotidianità».

«Una mobilità urbana sostenibile e di qualità è la sfida del futuro delle nostre città. I giovani possono essere coloro che definiscono un percorso, stimolano l’adozione di nuove abitudini e di nuove prassi sostenibili» – ha sottolineato Marco Beltrami, presidente AMT –  «Come azienda crediamo nell’esempio che i giovani possono dare e siamo consapevoli della necessità di rendere loro facile l’utilizzo dei mezzi pubblici. L’anno scorso abbiamo fatto una forte operazione di riduzione del prezzo degli abbonamenti e i dati di utilizzo ci hanno dato conforto. La nostra collaborazione con l’Università di Genova è ormai stabile e continuativa. Con questo progetto vogliamo stimolare ulteriormente l’utilizzo del sistema di trasporto pubblico, anche con incentivi di carattere virtuoso e, perché no, con un po’ di divertimento e gioco».

c.s.

Continua a leggere le notizie di Mediagold, segui la nostra pagina Facebook e X, resta aggiornato con le nostre ultime notizie da Google News.