Peripezie lungo la tratta ferroviaria Genova-Ventimiglia ad opera di una cittadina bosniaca

La donna, già nota alle Forze dell'Ordine, è residente a Savona.

Ferrari Innovations

Nella notte, una cittadina di nazionalità bosniaca ha pensato bene di divertirsi, incurante delle conseguenze che il gesto poteva produrre, azionando tutti i sistemi di allarme esistenti in tutte le gallerie delle FF.SS. Il suo allegro pellegrinaggio è iniziato da Imperia dove, ad ogni galleria esistente nelle tratte ferroviarie successive, attivava l’allarme.

Il comparto ferroviario di Genova, per ragioni di sicurezza ha immediatamente sospeso la corsa dei treni Genova-Ventimiglia, allertando il 112, il cui operatore, ha subito inviato i Carabinieri della radiomobile per individuare il responsabile di questo gesto inconsulto. Difatti, la donna è stata bloccata ad Andora (SV), colta sul fatto mentre stava per azionare l’ennesimo allarme.

Subito condotta in caserma, si è poi rifiutata di indicare le sue generalità, allo scopo di sottrarsi alla legge. Le operazioni di foto segnalamento, condotte secondo il protocollo, hanno permesso di stabilire che si tratta di una cittadina bosniaca, di anni 21, G.G., residente a Savona, già nota alle Forze dell'Ordine.

È stata denunciata per procurato allarme, rifiuto di generalità e interruzione di pubblico servizio. I movimenti dei treni, dopo circa un’ora di disagi, hanno ripreso la regolare corsa.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci