Controlli dei Carabinieri Forestali nei boschi della Valbormida

Elevate numerose sanzioni per mancato rilascio di matricine e taglio fuori epoca.

Azienda Agricola - Agriturismo Torre Pernice

In concomitanza dell'inizio della stagione silvana le Stazioni Carabinieri Forestale di Cosseria e di Cairo Montenotte hanno intensificato i controlli nei boschi della Val Bormida. Le verifiche si sono concentrate soprattutto sui boschi di proprietà pubblica e nelle aree particolarmente sensibili dal punto di vista naturalistico. Durante i controlli sono stati riscontrati soprattutto tagli mal eseguiti e senza il rilascio delle matricine di faggio, carpino e quercia.

Inoltre la stazione CC Forestale di Cosseria ha riscontrato il taglio di un bosco prima del 16 di ottobre, data dell'inizio ufficiale della stagione silvana (apertura del taglio) nei boschi con altitudine inferiore agli 800 metri. Al boscaiolo è stata notificata la sanzione che, dai calcoli effettuati, ammonta a ben 5.000 euro.

I Forestali spiegano che il periodo per il taglio del bosco ceduo è previsto per non danneggiare gli alberi in quanto le piante, per beneficiare della rinnovazione agamica (da ricacci e non da seme) devono essere tagliate durante il riposo vegetativo autunnale ed invernale.

Ricordano che tutelare adeguatamente i boschi è importantissimo per garantire un ambiente di vita più sano e per la mitigazione degli effetti di eventi meteorici quali frane ed allagamenti nei territori posti più a valle.

Tutte le stazioni CC Forestale sono comunque sempre a disposizione del cittadino per ogni informazione preventiva che possa essere utile allo svolgimento regolare delle attività sul territorio e ad evitare successive sanzioni.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci