Albenga: continua serrata l’attività di controllo del territorio svolta dai militari dell’Arma all’ombra delle torri

Bilancio: quattro arresti, una denuncia, decine di identificazioni.

ad-unit-arte-e-kaos-alassio-728-90

I Carabinieri della Compagnia di Albenga proseguono nel sistematico controllo già intensificato negli ultimi giorni proprio nel territorio ingauno, conseguendo i seguenti risultati:

Nel pomeriggio di ieri, all’ombra delle Torri, sono state impiegate numerose pattuglie con decine di Carabinieri in uniforme e in abiti borghesi con compiti di prevenzione e repressione dei reati con particolare attenzione al centro storico, piazza del Popolo, via Pontelungo, via Carloforte, piazza XX Settembre e piazza Berlinguer Nell’ambito di tali mirati servizi, sono stati ancora passati al setaccio giardini pubblici, piazze e locali. Controllate decine di persone, in particolare cittadini nordafricani che sono soliti stazionare tra viale Pontelungo e i giardini di piazza Berlinguer. Nel corso del controllo di quest’ultima piazza, una pattuglia del Nucleo Radiomobile ingauno ha tratto in arresto un cittadino rumeno di 49 anni, pregiudicato, colpito da decreto di espulsione e già accompagnato coattivamente alla frontiera aerea di Milano Linate nel luglio scorso, in virtù del quale non poteva rientrare nel territorio italiano prima di 10 anni così come disposto da una sentenza di condanna del Tribunale di Gorizia. Il rumeno, trattenuto nelle Camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Albenga, verrà giudicato stamattina davanti al Tribunale monocratico di Savona.

Contemporaneamente un altro equipaggio del Nucleo Radiomobile, durante l’attività di pattugliamento notava in piazza del Popolo un marocchino trentottenne, già noto ai militari, aggirarsi in bicicletta con fare sospetto. Dopo aver già bloccato in precedenza diversi “pusher ciclisti”, hanno proceduto al suo controllo ed alla perquisizione sul posto, rinvenendo nella sua disponibilità tre dosi di cocaina, 11 involucri di hashsh e circa 200 euro ritenuto provento di spaccio. Tutto sequestrato dai militari, anche la bicicletta su cui si spostava. Il pusher è stato quindi arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio e rinchiuso direttamente nel carcere di Imperia su disposizione del P.M. di turno dr. Bolla.

Sempre i Carabinieri del Nucleo Radiomobile, a seguito di un controllo di “bivacchi” in viale Pontelungo, hanno identificato e tratto in arresto su ordine di carcerazione, emesso dal Tribunale di Savona, di un noto pregiudicato marocchino di trentasei anni, che dovrà scontare 4 anni e 11 mesi di reclusione per reati di spaccio, furto e resistenza a pubblico ufficiale, relativi a fatti commessi ad Albenga tra il 2009 ed il 2016.

Un'altra pattuglia del Nucleo Radiomobile ha denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Savona un giovane pietrese, di origini nordafricane, sorpreso a rubare materiale elettronico di modesto valore presso il centro commerciale “Le Serre” precedentemente notato aggirarsi con fare sospetto tra gli scaffali dal personale di vigilanza.

Personale del Nucleo Operativo dei Carabinieri ingauni, eseguendo un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dall’Autorità Giudiziaria di Savona, hanno arrestato un cittadino tunisino trentacinquenne per spaccio di sostanze stupefacenti per una serie di fatti commessi nel corso del mese di novembre scorso, nel comune di Albenga. I militari, dopo averlo arrestato in flagranza di reato, il 29 novembre soccorso in viale Pontelungo avevano poi accertato che era solito nascondere lo stupefacente (eroina) negli incavi delle serrande degli esercizi commerciali chiusi per metterle a disposizione dei propri “clienti”.

Salgono a 23 gli arresti durante l’attività di controllo del territorio dell’ultimo mese. Segno tangibile della presenza efficace dell’Arma dei Carabinieri nelle strade ingaune.

c.s.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponibile un modulo dedicato.

La TUA pubblicità qui. Contattaci