Percepiva illecitamente assegni sociali per la sua famiglia che non viveva con lui: cuoco denunciato dalla Finanza

La moglie e figli non hanno mai vissuto in Italia con uno stratagemma riusciva ad ottenere i contributi.

Denunciato un "furbetto" per indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato. Con questa accusa la guardia di Finanza di Albenga agli ordini del capitano Cristiano Cocola, ha denunciato un cuoco egiziano che lavora ad Andora. L’uomo negli ultimi cinque anni con un stratagemma è riuscito illecitamente a percepire dal Comune di Laigueglia e dall’INPS assegni sociali per il mantenimento del nucleo familiare, per un importo di 10mila euro. Dalle indagini è di fatto emerso che nè la moglie nè i figli probabilmente non hanno mai vissuto in Italia. L’erogazione dei contributi è stato bloccata ma dovrà pagare una multa di 30mila euro. Intanto continua la lotta ai "furbetti" dei contributi sociali non solo locale ma su tutto il territorio nazionale le Fiamme Gialle stanno infatti indagando anche nelle zone terremotate sui «furbetti» che cercano di godere dei fondi stanziati dallo Stato per il terremoto. Li chiamano «amatriciani dell'ultima ora». Nel mirino della procura una quindicina di persone che hanno presentato la richiesta di cambio residenza.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.