Loano: tentano il furto in una parafarmacia. I Carabinieri li arrestano

Disturbati dall'arrivo degli agenti allertati dai vicini, vengono intercettati e poi arrestati.

Loano.

Aggiornamento: Dei tre arrestati, difesi dagli avvocati Camilla Fasciolo, Simona Poggi e Graziano Aschero, solo Caliku si è avvalso della facoltà di non rispondere, mentre gli altri hanno rilasciato alcune dichiarazioni senza però ammettere pienamente le responsabilità contestate loro. Il processo è stato rinviato al 18 ottobre in quanto i legali degli imputati hanno chiesto i termini a difesa, e il giudice ha stabilito per Rotolo gli arresti domiciliari, mentre gli altri due arrestati sono tornati in libertà senza alcuna misura restrittiva.

Stamattina, alcune pattuglie della Compagnia Carabinieri di Albenga hanno intercettato un albanese diciannovenne, Hariz Caliku, incensurato, residente a Toirano (SV) e due italiani pregiudicati, Paolo Alaria, torinese ventenne di Cirie’, ma residente a Toirano (SV) e Stefano Rotolo, venticinquenne finalese pregiudicato, che da segnalazione al 112 da parte di un accorto cittadino di Loano, stavano commettendo un ingente furto di prodotti farmaceutici nello studio medico – parafarmacia “Dr. Gloria” in via Aurelia, 308 a Loano (SV).

Non hanno fatto in tempo i tre ladri a portare a termine il saccheggio dell’esercizio pubblico, quando si sono visti arrivare Carabinieri da ogni angolo. Militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Albenga e altre pattuglie della Stazione di Loano e Pietra Ligure fatte immediatamente convergere sul posto hanno consentito infatti di bloccare i malviventi con le “mani nel sacco”. I danni sono ingenti infatti il trio ha sfondato la porta d’ingresso della parafarmacia infrangendone il vetro centrale e successivamente hanno divelto il montante della porta interna che collega lo studio medico dalla farmacia.

All’atto dell’arresto i soggetti hanno reagito in modo aggressivo ma il numero di militari presenti hanno consentito di desistere da ogni intento violento o tentativo di fuga. Stamattina verranno condotti dai Carabinieri innanzi il Tribunale di Savona dove risponderanno, tutti, per direttissima, del reato di furto aggravato in concorso.