Giornata di intenso lavoro per i Carabinieri di Albenga e le caserme del comprensorio

Tre i cittadini stranieri arrestati dalle forze dell'ordine.

Giornata di intenso lavoro per i Carabinieri di Albenga e le caserme del comprensorio: video #1 To see this video you need Javascript to be enabled. Click the image to open the video's page.

Nel corso del pomeriggio il Nucleo Operativo della Caserma di Albenga ha eseguito tre arresti tra viale Che Guevara - quasi al confine con Ceriale - e via Pineo al confine con Albenga, per rapina ed estorsione.

Due amici appena maggiorenni, F.C.L.M. cittadino inglese e M.A. albanese, entrambe residenti nel savonese, in compagnia di una sedicenne marocchina - poi risultata estranea ai fatti - sono stati tratti in arresto per aver rapinato un coetaneo marocchino ad Albenga, aggredendolo e derubandolo di due cellulari smartphone di sua proprietà. La ragazza è poi stata riconsegnata ai genitori, mentre l'inglese e l'albanese sono stati condotti in carcere al Marassi di Genova. Nel mentre, un'altra persona veniva arrestata per estorsione.

Nel corso della mattinata, i Carabinieri della Stazione di Albenga, coadiuvati da unità cinofile antidroga del Nucleo di Villanova d’Albenga, hanno effettuato dei controlli di routine nell’ambito degli istituti di formazione. Nell’ambito servizio, mirato a prevenire il consumo di droga tra gli studenti, su richiesta della presidenza del Liceo “Giordano Bruno”, sono stati effettuati dei controlli a campione in alcune classi dell’Istituto. “Joy”, il labrador antidroga in servizio presso il Nucleo di Villanova è passato tra i banchi. Non gli è sfuggita l’attenzione su uno zainetto di una studentessa sedicenne, da dove veniva riscontrata la presenza di un pezzo di hashish, così come non è passato indenne un motorino parcheggiato davanti alle Scuole “Paccini” , accertato poi essere di proprietà di uno studente diciassettenne. Nel vano sottosella è spuntato un altro frammento di hashish inserito in una bustina. Gli studenti sono stati segnalati alla Prefettura di Savona, quali assuntori di sostanze stupefacenti e dovranno sottoporsi a vari accertamenti e colloqui con gli uffici preposti. Via il patentino al centauro.

Mentre ieri mattina, i Carabinieri, in esecuzione ad un provvedimento di unificazione di pene concorrenti e contestuale ordine di cattura emesso dal Tribunale di Savona, hanno arrestato S.I., sessantaquattrenne savonese residente a Finale Ligure, il quale dovrà scontare sette anni di reclusione per reati di ricettazione commessi tra il 2001 ed il 2004. L’uomo, raggiunto dai Carabinieri di Finale Ligure a Varigotti, dove dimorava temporaneamente, è stato condotto presso la Compagnia Carabinieri di Albenga, per le formalità di rito e successivamente condotto nel carcere di Genova Marassi dopo sconterà la sua pena.