Controllo territorio

Numerose pattuglie con unità cinofile ed elicottero hanno setacciato Albenga

Controllo territorio: video #1 To see this video you need Javascript to be enabled. Click the image to open the video's page.

Si è svolto ieri un imponente servizio di controllo del territorio ad opera dei Carabinieri di Albenga coordinati dal Maggiore Bianco, volto al contrasto della microcriminalità radicatasi sul territorio dove, in particolare si verificano reati in materia di stupefacenti e furti.

7 le pattuglie, coadiuvate da 2 unità cinofile e un elicottero del 15° Nucleo Elicotteristi di Villanova che oltre a dare supporto visivo dall’alto al dispositivo operante a terra, non trascurava di illuminare a giorno con potenti fasci di luce le abitazioni delle frazioni più isolate consentendo un efficace effetto deterrente per i malintenzionati.

Tutto è cominciato verso le 20,30 con il controllo di alcune attività commerciali e avventori dei bar in Viale Pontelungo. Controlli anche sul greto del fiume Centa, dove segnalate dall'elicottero “Fiamma”, sono state individuate alcune persone. Pattugliate capillarmente, poi le strade del Centro Storico e Piazza del Popolo, dove sono state individuate diverse persone prive di documenti e per questo tratti in caserma. Una volta identificati sono risultati irregolari sul territorio italiano e con diversi precedenti alle spalle. In totale, 105 sono state le persone identificate e controllate.

Insostituibili in questa attività due cani, Flash di 10 anni specializzato nell’individuazione di armi e il pastore tedesco Connie di 9 anni specializzato nell’individuazione delle sostanze stupefacenti.

Un servizio che ha portato anche ad un'importante risultanza, in Viale Pontelungo, infatti, è stato fermato un extracomunitario con in tasca un dispositivo jammer in grado di disturbare le frequenze radio delle forze dell'ordine. Il soggetto è stato fermato mentre cercava probabilmente di disfarsi del dispositivo tascabile è denunciato per interruzione di pubblico servizio, interrogato sul posto asseriva che il jammer non era suo ma di averlo trovato di lì a poco.

I controlli sono continuati per tutta la notte, concentrati anche sulla Via Aurelia dove è stato disposto un posto di blocco rinforzato in ambo i sensi di marcia, e sul territorio di Ceriale. Anche qui sono stati individuati alcuni soggetti ed un'arma impropria come il tirapugni prontamente sequestrato.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.