Andrea Andriola del Gruppo Antipolitico Savonese vittima di aggressione in stazione a Savona

"E' stato aggredito da un commando di almeno 5 persone. Il tutto e successo improvvisamente senza segnali, sicuramente un atto premeditato!" afferma il portavoce del gruppo.

È accaduto nel tardo pomeriggio di ieri verso le ore 19,00 nel parco antistante la stazione ferroviaria di Savona, quando Andrea Andriola, attivista del Gruppo Antipolitico Savonese, è rimasto vittima di aggressione da parte di un commando di almeno 5 individui immediatamente fuggiti dopo la violenza.

"L'uomo era tranquillamente seduto su una panchina intento a messaggiare con il cellulare, in pieno giorno! — riferisce Ned Täubl portavoce del gruppo — È stato aggredito da un commando di almeno 5 persone. Il tutto è successo improvvisamente senza segnali, sicuramente un atto premeditato!"

"È grande la nostra preoccupazione — affermano membri del Gruppo Antipolitico — perché Andrea non ha nemici e ultimamente abbiamo segnalato minacce rivolte a persone che abbiamo aiutato nella solidarietà! Andrea tra l'altro ha rappresentato il Gruppo Antipolitico nell'intervista a Cucovaz andata in onda sulla Rai lo scorso 23 maggio!"

Prontamente intervenute sul posto, le Forze dell'Ordine hanno avuto modo di verificare come l'aggressione non fosse riconducibile ad un tentativo di rapina, in quanto nessun effetto personale di Andriola risultava essere mancante.

Anche se con visibili ematomi su viso e corpo, Andrea Andriola è già stato dimesso, non senza qualche critica mossa nei confronti del Pronto Soccorso del Valloria, da parte del portavoce del gruppo: "Non hanno deciso di tenere sotto osservazione almeno per la notte il paziente che lamenta enormi dolori e nausea! I grossi ematomi avrebbero meritato almeno la somministrazione di antidolirofici che non sono stati somministrati e siamo stati costretti, una volta accompagnato a casa il nostro attivista, a chiamare la guardia medica per la prescrizione di farmaci appositi!! Questa è stata un'appendice negativa su questa storia già di per sé bruttissima".

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.