Albenga: si incatena davanti all’ospedale per chiedere all’Asl di riaprire le sale operatorie

La protesta di Massimo «Max» Biovi e dei comitati locali.

Albenga. Si è incatenato davanti all’ospedale per chiedere alla direzione dell’ASL2 savonese di rimettere in funzione le tre sale operatorie chiuse da tempo per mancanza di anestesisti.

Protagonista della protesta è Massimo “Max” Biovi, ex addetto alla sicurezza di cantanti e attori, che ha subito l’amputazione della gamba destra nell’aprile scorso, di cui abbiamo pubblicato un'intervista pochi giorni fa.

Nonostante l’ASL abbia assicurato tutta l’assistenza necessaria, questa mattina insieme ai Cittadini stanchi, comitato civico albenganese, ed altri comitati locali, Max ha deciso di portare avanti la sua battaglia anche, e soprattutto, per tutte quelle persone nella sua situazione, incatenandosi e chiedendo all’ASL tempi rapidi per poter riaprire le sale e ridurre le liste d’attesa.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.