Albenga: niente biglietti al bar dell’ex Sati

La titolare Lorena Cavenaghi che ha preso in gestione l’esercizio dal novembre scorso è disperata.

ALBENGA. Una delle tante storie all’italiana o, come diceva De Andrè, una storia sbagliata. Se non ci fosse dietro il dramma di una titolare che tra poche settimane sarà costretta a chiudere il locale ci sarebbe quasi da ridere. Ma è davvero incredibile, da commedia all’italiana, che il bar storico della vendita dei biglietti dei pullman (ex Sati, piazza del Popolo) non sia munito di ticket per coloro che usufruiscono della linea Finale-Andora o delle corriere destinate all’entroterra.

La titolare Lorena Cavenaghi che ha preso in gestione l’esercizio dal novembre scorso (e dove vi lavorano con passione anche il marito ed il padre) è disperata: "Tra un paio di settimane consegnerò le chiavi del bar al proprietario, con tanta rabbia e delusione. Avevo investito molto su questo locale dove tra l’altro si può trovare un’ottima focaccia e tante delizie. Ma il bar, da diverse generazioni, è conosciuto soprattutto come quello che vende i biglietti delle corriere che, tra l’altro, hanno la fermata principale nella piazza. Ma, ironia della sorte, il bar della ex Sati non può vendere i biglietti. Pazzesco".

Tra l’altro, come si legge in un’apposita documentazione, i vertici del servizio di autotrasporti hanno scritto alla titolare come l’area di riferimento sia già dotata di locali dove si vendono i biglietti: "Meglio non commentare-conclude Lorena-perchè riesce difficile a chi, vedendo un pullman arrivare e venendo da noi per comprare di fretta un biglietto, si sente rispondere che non ne teniamo".

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.