Albenga: la "Fionda di Legno" colpisce ancora

Teatro Ambra al completo.

ALBENGA. Chissà se i Fieui di Caruggi quando, nelle loro “vulcaniche” menti, idearono il premio annuale La Fionda di Legno, immaginavano di andare così lontano, di diventare premio ambito per chi lo riceve e magari motivo di delusione per chi non è ancora potuto salire sul palco. Di certo dopo dieci edizioni si può dire che questa premiazione è diventato uno degli eventi dell’anno non soltanto per Albenga che ne gode i frutti ma anche di tutta la Liguria di Ponente, dove in un decennio, nel frattempo, sono spesso nate e poi sparite altre iniziative di livello.

Sabato scorso, ed ormai questa è già Storia, i “Fieui” hanno consegnato la loro fionda ai Nomadi e a Brunello Cucinelli. All’apparenza due mondi diversi, lontani, destinati a non incontrarsi. In realtà un unico comune denominatore che è, secondo i “Fieui”, quello di aver tirato delle sane e incisive fiondate a chi ci guarda, spesso con disinteresse, dall’alto.

E allora ecco la Fionda consegnata ai Nomadi per la loro passione sociale, per testi mai banali e che sono spesso pugno nello stomaco per quanto riescono a trasmetterti, e dall’altro Cucinelli, l’imprenditoria dal volto umano, quella che mette l’uomo al centro e non trascura i legami con il territorio. Due mondi allora che non sono così diversi e che la capacità di Gino Rapa e tutti gli altri “Fieui” ha saputo se non unire, almeno riavvicinare.

Il pubblico, non solo composto da albenganesi, ha risposto, in un sabato che di primaverile aveva ben poco. Ma che la "Fionda" stia diventando un "qualcosa di più di un qualcosa di più" si è intuito anche domenica mattina con la maratona non competitiva organizzata sempre dai Fieui ed alla quale hanno partecipato oltre 1500 persone. Su un percorso di quattro chilometri non mancava proprio nessuno ed anche gli amici a quattro zampe hanno partecipato con i loro padroni considerato che i fondi erano raccolti anche per il canile di località Enesi oltre che per le popolazioni colpite dal sisma nell’Italia centrale.

A dimostrazione che la sensibilità dei “Fieui”, unita alla loro professionalità, fa di questi eterni ragazzi un motivo d’orgoglio non solo per Albenga, ma per la Liguria intera.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.