Albenga: i carciofi ingauni vanno letteralmente "a ruba"

Una sparizione non troppo inconsueta, in realtà, già in passato era accaduto.

Albenga. Che fosse buono e apprezzato lo si sapeva, ma che andasse letteralmente a ruba è fatto di questi giorni. Amato e noto ovunque il carciofo spinoso di Albenga sa arricchire ogni piatto, con qualità e gusto inconfondibile. A prendersene cura, da anni, i coltivatori della piana ingauna che dopo averli visti nascere e crescere, una mattina, non li hanno più trovati. Una sparizione non troppo inconsueta, in realtà, già in passato era accaduto, ma la “tabula rasa” lasciata questa volta tra Leca d'Albenga e Campochiesa, è qualcosa di più amaro.

I contadini se ne sono fatti in qualche modo una ragione e si sono rimessi al lavoro, ma il loro tesoro non c'è più. I titolari di un'azienda di Leca raccontano che «i carciofi sono stati staccati uno a uno provocando danni anche ai raccolti futuri».

Un segno dei tempi, con la crisi che oltre a cambiare le priorità di spesa, modifica anche i comportamenti dei ladri. Proprio per dare una svolta alle indagini, le Forze dell'Ordine e i Carabinieri invitano a segnalare o a denunciare gli accaduti, a sostegno del settore agricolo.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.