Torna la paura a New York

Il vicesindaco di Pietra Ligure Sara Foscolo rassicura con un post su FB "tranquilli stiamo bene"

Torna la paura a New York, dove una forte deflagrazione, avvenuta intorno alle 20,30 di sabato (le 2,30 in Italia), nel trafficatissimo Manhattan, ha provocato almeno 29 feriti, di cui uno in gravi condizoni.

Sembravano le scene di un film, invece la raccapricinate realtà ha gettato nel panico i passanti costretti a correre in cerca di riparo, dopo che un rudimentale ordigno, nascosto in un cassonetto fra la 23/ma strada e la settima avenue, nella zona di Chelsea, è stato fatto esplodere intenzionalmente.

Sul posto, dove è stato rinvenuto un secondo ordigno in una pentola a pressione rimossa dagli artificieri, isolato e messo in sicurezza, anche per la numerosa presenza di stazioni metro, ristoranti, centri commerciali e uffici, oltre a polizia e vigili del fuoco indaga anche l'Fbi, anche se al momento non vi sarebbero legami con un attacco terroristico, né rivendicazioni da parte dell'Isis, ha dichiarato il sindaco de Blasio. Nessuna connessione nemmeno con l’esplosione, avvenuta nella stessa giornata di ieri, durante la mattinata, a Seaside Park, nel New Jersey, allo start di una corsa podistica di beneficenza, fortunatamente avvenuto con un imprevisto ritardo.

La città che non dorme mai non smette dunque di guardare avanti, con i tantissimi residenti e turisti, che percorrono le vie ora blindatissime della grande mela. Stanno bene anche il vice sindaco di Pietra Ligure Sara Foscolo e il gruppo di amici, con lei in vacanza proprio a New York.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.