Erasmus. Tragedia in Spagna. 13 vittime di cui 7 italiane. L'autista sotto indagine.

Dalla Farnesina e dalle autorità spagnole arriva la conferma di 6 feriti. Un'accusa di omicidio colposo plurimo al conducente.

Tarragona. 7 le studentesse italiane che hanno perso la vita nel tragico incidente in Catalogna.

La 24enne Francesca Bonello, genovese studiava medicina all'Università di Genova; Lucrezia Borghi, di 22 anni, di Greve in Chianti studentessa di economia; Valentina Gallo, 22enne di Greve in Chianti, studiava Economia all'università di Firenze; Elena Maestrini, di Gavorano in provincia di Grosseto, aveva 21 anni e studiava economia aziendale e management all'Università di Firenze;; la torinese Serena Saracino, avrebbe compiuto 23 anni il prossimo 28 marzo; Elisa Scanascia Mugnozza, di Roma; Elisa Valent, nata nel 1991 a Gemona, frequentava all'Università di Padova, le sette giovanissime italiane che hanno perso la vita, spegnendo i loro sogni e una parte del nostro futuro.

Il capo dell'unità di crisi della Farnesina, Claudio Taffuri, aveva affermato che "le vittime italiane sarebbero 7, verosimilmente" perchè, avevo precisato, "bisogna attendere l'identificazione per averne la certezza piena". Dati poi ulteriormente chiariti dall'ambasciatore italiano in Spagna, Stefano Sannino.

Sei i feriti italiani: due sono stati già dimessi, altri due sono gravi ma non in pericolo di vita.

Le vittime accertate sono attualmente 13. Nell'elenco ufficializzato dalle autorità spagnole ci sono anche una uzbeka, una francese, una romena, due tedesche e un'austriaca.

Il bilancio di questo disastroso evento parla anche di 34 feriti dei quali 3 molto gravi, 9 gravi, e 22 non gravi, con vittime comprese tra i 19 e 25 anni.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.