Roma: protesta violenta di tassisti e ambulanti

Guerriglia in centro città contro la Polizia.

Tassisti e ambulanti protestano a Roma e trasformano il centro della città in un campo di battaglia contro la Polizia. “Siamo stanchi di essere presi in giro, ci siamo rotti...” spiegano i tassisti che da dalla mattina hanno invaso tutte le vie limitrofe ai palazzi della politica.

Piazza Montecitorio e Piazza Colonna sono il teatro della protesta. La Polizia fa da scudo. I manifestanti prendono di mira la sede del PD. Dopo le manganellate degli agenti lanciano uova, bottiglie e rispondono brandendo le aste delle bandiere.

Non ce ne annamo fin quando non avrete cambiato questo cazzo di decreto. A loro gli interessano solo i vitalizi. Il problema in Italia è diventato lavorà” urlano i tassisti, sgolandosi ed invocando un cambio da parte del Parlamento.

Alle 11 del mattino i più facinorosi lanciano alcune bombe carte e l’episodio si ripete più volte nel corso della giornata. Qualcuno mormora: “Qui ce scappa il morto”.

Nun ce fanno paura questi celerini di ..., nun ce fanno paura”, grida Gino, tassista da più di venti anni che fa sapere “che la mia licenza è costata 30 mila euri”.

(fonte: La Stampa)

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.