Pavia, violento incendio nella raffineria Eni di Sannazzaro

  • Redazione
  • 2 min e 26 sec (367 parole)
  • Cronaca

Un violento incendio si è sprigionato alle ore 15,40 nella raffineria Eni nel Comune di Sannazzaro de' Burgondi, Sul posto sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco riuscendo a tenere sotto controllo la situazione..Un operaio è rimasto intossicato, con i suoi colleghi si era rifugiato in un bunker di sicurezza.

Pavia, violento incendio nella raffineria Eni di Sannazzaro: video #1 To see this video you need Javascript to be enabled. Click the image to open the video's page.

Il Comune di Sannazzaro de’ Burgondi comunica che: è stato attivato il Piano di Emergenza Interno. Per il momento non sussistono pericoli per la popolazione residente . Le forze di intervento sono all’opera per mantenere la situazione sotto controllo. Rimanete chiusi dentro le vostre abitazioni o cercate riparo nel locale chiuso più vicino. Prestate attenzione ai messaggi trasmessi al fine dell’aggiornamento della situazione. Non ci sono persone ferite. Sono stati allertati Protezione Civile, ARPA, ATS e sono già intervenuti i Vigili del Fuoco di Pavia.

"In ogni caso - dice l'assessore alla protezione civile Roberto Fuggini - per precauzione abbiamo chiuso le strade adiacenti alla raffineria e avvertito la popolazione con sms, annunci sul sito e sulla pagina Facebook e megafoni, invitando tutti a restare in casa. E' uno dei più grossi incidenti che si siano mai verificati in questo impianto".

La zona interessata è quella verso il territorio Ferrera Erbognone, la più lontana dal centro abitato. "Stavamo lavorando in un luogo chiuso,abbiamo sentito le sirene d'allarme della raffineria e visto le fiamme, che all'inizio non erano molto alte. Poi c'è stata una serie di scoppi, con tantissimo fumo e fiamme che arrivavano ben oltre l'altezza delle ciminiere, a più di 60 metri". È la testimonianza di un agricoltore che vive e lavora allacascina Gattinera di Ferrera, a un chilometro in linea d'aria dall'impianto Est della raffineria di Sannazzaro, il più moderno del complesso, realizzato a partire dal 2011. "Avevamo paura che l'incendio si propagasse al reattore di fianco - prosegue l'agricoltore - ma per fortuna i sistemi interni devono avere funzionato. Si vedevano gli idranti in azione da un chilometro di distanza. Questo è sicuramente il più grosso incidente da quando c'è quell'impianto".

L'allarme che è scattato è di tipo 2, previsto per le emergenze solo interne.

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.