Francia, alluvione Costa Azzurra: bloccati 5 treni Unitalsi con 2500 italiani

Le autorità francesi starebbero pensando di far scendere i pellegrini dai treni per farli alloggiare negli alberghi.

Sono ripartiti i cinque «treni bianchi» dell'Unitalsi, che erano rimasti bloccati, con a bordo circa 2.500 italiani reduci da un pellegrinaggio a Lourdes, lungo la linea ferroviaria Francia-Italia a causa dell'alluvione che si è verificata in Costa Azzurra.

Uno dei cinque treni, a bordo dei quali vi è un consistente gruppo di marchigiani era fermo non lontano dal confine di Ventimiglia, nell'area più colpita dal maltempo; altri due treni erano poco distanti da Tolone, gli altri due sono in una zona a nord di Marsiglia.

«Già da ieri sera - ha detto Salvatore Pagliuca, presidente dell'Unitalsi - i pellegrini sono assistiti da volontari francesi vicini alla nostra associazione e dalla protezione civile francese. Sono stati distribuiti pasti e altri generi di conforto. Ora si stanno studiando misure operative, anche se la situazione è difficile: ci è stato riferito che in alcuni punti la ferrovia è stata inondata da 80 cm d'acqua».

Le autorità francesi starebbero pensando di far scendere i pellegrini dai treni per farli alloggiare negli alberghi. «Questa ipotesi ci preoccupa molto perchè a bordo abbiamo malati anche gravi, tra cui alcuni dializzati - spiega Salvatore Pagliuca - si sta valutando l'eventualità di far retrocedere alcuni dei cinque treni e di seguire poi un percorso alternativo, via Modane, per rientrare in Italia. La situazione più delicata - ha aggiunto - riguarda il treno fermo non lontano dal confine di Ventimiglia».