20 PERSONE DECEDUTE PER LO SCONTRO FRONTALE IN PUGLIA TRA DUE TRENI

Convogli partita da Corato e Andria, uno dei due treni non doveva essere li....

Uno scontro frontale su un unico binario verso le 11,00 di questa mattina, il bilancio è di 20 morti e molti i feriti trasportati ad Andria e Barletta.. Alcune carrozze sono completamente accartocciate rendendo difficile i soccorsi alla persone rimaste intrappolate.

20 PERSONE DECEDUTE PER LO SCONTRO FRONTALE IN PUGLIA TRA DUE TRENI: video #1 To see this video you need Javascript to be enabled. Click the image to open the video's page.

«È una tragedia senza precedenti — afferma Massimo Nitti, direttore generale della Ferrotramviaria , accerteremo le responsabilità. Fatto sta che un treno lì non doveva esserci». Tra le ipotesi ci sarebbe anche un guasto dei sistemi che regolano le coincidenze: infatti, uno dei due treni doveva essere in stazione, l’altro in transito. I convogli erano partiti da Andria e Corato e viaggiavano a 100 chilometri orari. Sulla linea transitano giornalmente duecento treni e l’arteria ferroviaria collega il Nord Barese a Bari. Migliaia di pendolari che si spostano verso il capoluogo pugliese per lavoro.

Nei nosocomi di Andria e Barletta necessita sangue di tipo zero

Tra le vittime c’è uno dei due macchinisti e un vice questore. La linea, che è stata interrotta, è gestita dalla Ferrotramviaria.

Scene di disperazione negli ospedali di gente alla ricerca dei propri cari che non rispondono all'appello mentre molti sono i volontari che si recano per la donazione di sangue.

Il premier Matteo Renzi ha interrotto la visita al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano. È tornato a Roma per seguire gli sviluppi dell’incidente pugliese. C’è una «assoluta richiesta di capire i responsabili e fare totale chiarezza - ha detto Renzi - non ci fermeremo finché non chiariremo cosa è accaduto».

MATTARELLA -"Profondo dolore" è stato espresso dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. "Il mio primo pensiero - ha detto - va alle tante vittime e ai loro familiari, ai quali desidero far pervenire vicinanza e solidarietà. Ai feriti rivolgo gli auguri di pronta guarigione". Il presidente della Repubblica - sempre in una dichiarazione diffusa dal Quirinale - ha aggiunto: "Bisogna fare piena luce su questa inammissibile tragedia: occorre accertare subito e con precisione responsabilità ed eventuali carenze".

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.