Altra tragedia da monossido di carbonio muore una donna a Savona

E una donna si trova in gravi condizioni

Una settimana dopo la tragedia di Ventimiglia la cronaca registra un’altra vittima, questa volta a Savona, per monossido di carbonio. Si tratta di una donna di cinquantotto anni trovata priva di vita nella sua abitazione di via Ceva. A trovarla priva di vita è stata una parente che è andata a trovarla e aveva le chiavi di casa. L’alloggio era completamente saturo di monossido di carbonio la donna è stata trasportata d’urgenza al Pronto Soccorso. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Savona per gli accertanenti del caso

Purtoppo la cronaca, in questo inizio d’anno, è davvero ricca di questi eventi: dopo quanto accaduto a Ventimiglia, e dove si trova tutt’ora in gravi condizioni all’Ospedale di Genova una donna alassina, altri episodi da monossido di carbonio si sono registrati anche a Sestri Levante e nel genovese.

Spesso si tratta di calderine che non funzionano al meglio o che da tempo non sono soggette a revisioni. Per questo si raccomanda tutti i lettori a provvedere sempre e nei tempi suggeriti la funzionalità delle calderine

Per segnalare alla redazione refusi, imprecisioni ed errori è disponbibile un modulo dedicato.